x

Calcio: tra il socio Cantarini e la Jesina il tribunale

2' di lettura 29/06/2017 - La questione tra la Jesina calcio e uno dei soci, l'assicuratore Mauro Cantarini, insorta un mese fa, finisce in tribunale.

L'Avv.Enrico Basso e il Dott. Daniele Basile, delegati da Cantarini ad esaminare la documentazione societaria e contabile, avevano fatto espressa richiesta alla società di viale Cavallotti.

Richiesta che era stata rifiutata per ragioni di privacy. Da qui il ricorso urgente presentato da Basso.

Così il prossimo 17 luglio il Tribunale ordinario di Ancona vedrà comparire dinanzi a sé da un lato chi rappresenta il socio di minoranza, l'avv. Basso, dall'altra il presidente della Jesina, l'avv. Polita, o chi per la società.

"Al Tribunale di Ancona spetta ora la decisione di validare la richiesta a tutela dei diritti del socio di minoranza - fa sapere la difesa di Cantarini - che pone ormai una seria riflessione sul perché si stiano ponendo così tanti ostacoli alla consultazione dei documenti contabili che impediscono a professionisti competenti in materia di poter valutare l'operato della Società e dei suoi organi".

Dal canto suo la società aveva messo a disposizione dei soci la documentazione relativa a contabilità e gestione, rispondendo con una nota a Cantarini. Dopo la notizia del ricorso alla giustizia, la società ribadisce: "I libri contabili sono stati e sempre saranno a disposizione dei soci, compreso il sig. Cantarini. I professionisti da lui incaricati li hanno visionati ed anzi hanno ringraziato segretario e presidente per la piena disponibilità al termine della loro consultazione. Successivamente hanno chiesto di estrarre copie delegando, a loro volta, una terza persona". L'inghippo deve essere nato proprio da questo diniego. "Si era già in assenza di una esplicita procura notarile, la richiesta di delegare addirittura una terza persona estranea alla Società e ai suddetti professionisti è apparsa alquanto bizzarra e alla stessa non poteva essere prestata adesione, anche per legittime ragioni di privacy". Così ha spiegato la vicenda la Jesina, anticipando che resisterà in giudizio contro le ragioni di Cantarini.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2017 alle 13:47 sul giornale del 30 giugno 2017 - 2175 letture

In questo articolo si parla di sport, jesi, tribunale, jesina calcio, mauro cantarini, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aKMj





logoEV
logoEV