Quantcast

Jesi barocca, Alessandro Ciccolini dirige Scarlatti in 'Amore e virtù'

3' di lettura 29/06/2017 - Il Festival JESI BAROCCA -promosso da Fondazione “Alessandro Lanari”, Comune di Jesi e Regione Marche- al culmine della lunga rincorsa che dall’1 giugno programma in Città appuntamenti di musica e cultura di altissimo livello sul ‘700, sabato 1 luglio sfodera quella che forse è la punta di diamante artistica dell’intera edizione 2017.

“AMORE E VIRTÙ”, cantata a due voci con musica di Alessandro Scarlatti, autentica rarità musicale che, mancando dai cartelloni di festival e teatri, proietta per questo su Jesi attenzione e attesa da parte di appassionati e operatori di settore in tutta Italia.

La rarità della produzione di Scarlatti e l’altissima qualità degli interpreti invitati -dice il direttore artistico Gianni Gualdoni- fanno del Festival un riferimento specialistico che lo accosta ai grandi festival barocchi internazionali”.

“Amore e Virtù” è una partitura certamente emblematica di un preciso universo culturale. Alle esagerazioni più massicciamente barocche del XVII secolo succede, nel XVIII, una straordinaria ricerca dell’eleganza: sensibilità che trova esito particolare nello spirito dell’Arcadia, il famoso cenacolo sorto a Roma a fine ‘600.
Ed è proprio nell’esclusivo sodalizio che nel 1706 Scarlatti presenta la prima esecuzione dell’opera.
Si tratta di azione pastorale e non di dramma: ma secondo temperie espressiva “alta”, come nell’opera seria.

Nell’argomento del libretto, a firma di Silvio Stampiglia, Amore è stanco dei vani piaceri della terra ed aspira a più nobili ideali unendosi a Virtù, che ne accoglie pentimento e propositi: l’unione della loro magnificenza li farà brillare entrambi di un incomparabile splendore. Scarlatti ne scrive con ispirazione inesausta: alcuni passaggi sono forse fra i più belli che ci ha lasciato l’arte musicale italiana del XVIII secolo, con qualità e raffinatezza che preludono a Haydn e Mozart.
Freschezza, invenzione, brio sicuro e brillante, gioioso, mai volgare: a questo genio, la cui riscoperta sarà sempre tardiva, bastano due voci e qualche strumento per creare un mondo rarefatto destinato a corti e dimore principesche.

Una nuova produzione di un tale capolavoro, peraltro così poco eseguito, non può che vedere una compagnia di interpreti di alta specializzazione e qualità artistica: Pamela Lucciarini, soprano apprezzata in tutta Europa, è “Virtù”, mentre il ruolo di “Amore” è affidato all’estro dell’emergente Cristina Picozzi, anch’essa soprano; alla guida dell’Ensemble strumentale “Accademia del Leone”, un vero asso della musica barocca internazionale e bandiera degli attuali interpreti italiani: Alessandro Ciccolini, nel doppio ruolo di Concertatore d’insieme e Primo violino in orchestra come in uso all’epoca, dandone interpretazione secondo prassi esecutiva d’epoca.

Allievo dei maggiori maestri europei del violino barocco e della prassi esecutiva dell’epoca -dal mitico Ton Koopman a Curtis, Mackintosh, Christensen, Manze, Gatti- Ciccolini è oggi uno degli artisti più apprezzati e richiesti: primo violino dell’Ensemble Concerto Soave di Marsiglia diretta da Jean-Marc Aymes, nonché violino di spalla della Cappella Neapolitana diretta da Antonio Florio.

Come tutti gli appuntamenti del Festival, l’evento ha luogo a Jesi nelle splendide sale settecentesche di Palazzo Honorati. Inizio ore 21, biglietto d’ingresso € 12. Info e prenotazioni: 0731-4684.


da Fondazione “Alessandro Lanari”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2017 alle 10:12 sul giornale del 30 giugno 2017 - 845 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Fondazione “Alessandro Lanari”

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aKLG





logoEV