Quantcast

Jesi in Rima: mariti soli...disavventure al mare

6' di lettura 25/07/2017 - Cinque mariti soli decidono di fare un giro al mare della Romagna, ma qualcosa va storto..buona lettura con un'altra inedita storia in dialetto di Marinella Cimarelli.

Gino e Aldo si trovano da soli, a godere una giornata intera senza le rispettive mogli, recatesi in gita ad Assisi con la Parrocchia di San Francesco.


Aldo: Signore mia t’aringrazio muntobè, che pace, che gioia, quanto scialo!
Gino: Emo fatto bè a mannàlle tutte e due in gita a Assisi
Aldo: Pensa’ che all’inizio non me sfagiolava per nie’, sai pensavo… la corièra, l’autostrada, ‘l traffigo…pòle succede tante cose, ma que vòi che je succede a quele due? Sci’ je dai da magna’ i funghi avvelenadi non je pija mango l’ombra de na’ còlliga!
Gino: Sci’, è troppo pallose tutte e due, s’è ccoppiade bè tra de lora...Perchè, non te ricordi quanno due anni fa c’ha fatto spala’ la neve avanti casa? Mumenti schiattamo! E quela òlta che volèa a tutti i costi 20 cucumbere pe’ fa’ la festa de la Contrada? I pesi ch’emo dovuto cariga’ avanti e indièdro co’ la cariòla…che me s’era sguastado l’apetto ’n me ce fa’ pensa’
Aldo: Me ricorderò, me c’è vinuda l’ernia al disco, sci’ c’era ancora ‘l Cantagiro avéo vinto
Gino: Dovemo diverticce oggi eh? Ndo’ ‘ndamo, que famo, a chi chiamamo?
Aldo: Dirìa de gi’ la’ ‘l Circoletto, arduna’ su ‘n po’ d’amighi de quelli bòni, e portalli co’ nuantri verso Rimini, Cattoliga, Riccione…Puntamo ndo’ se fa la bella vita, se magna bè e c’è le belle donne che va giranno pure mezze spojàde…aggià me ‘mmagino che giornada fantastiga, da scrive ntel calendario!
Gino: Ottima idea, te si’ sempre geniale

Raccolti tre amici al Circolo: Lino, Anacleto e Gustavo, i nostri protagonisti avventurosi si introducono in 5 nell’auto di Aldo, una fiat uno leggermente datata e se ne vanno verso la costa Adriatica pieni d’entusiasmo.
All’uscita dell’autostrada, a Riccione, una pattuglia della Polizia Stradale li ferma, li fa scendere e chiede i documenti; due di loro hanno la carta d’identità scaduta.
Poliziotto: vi faccio notare che non si può circolare con i documenti scaduti, provvedete quanto prima al rinnovo. Aldo: E da quanno in qua vualtri ve ne fregade dei documenti d’identità, non ve basta la patente, eppo’ l’altri que c’entra sci’ guido io?
Poliziotto: Noi effettuiamo dei controlli ‘a RANDOM’ e siamo tenuti a far rispettare le regole, siete capitati voi e mi rivolgo a voi, piuttosto dove state andando?
Aldo: Lo randello lo tièngo giù casa e ce puliscio le fòje, oh, cazzarola allora è ‘n vizio….gimo in città sul lungomare, si’ contento?
Poliziotto: Cambi tono e sia più rispettoso verso le forze dell’Ordine
Gino: Aldo lassa perde scinno’ famo notte…sci’ po’ non finimo in galera
Poliziotto: vedo dal libretto che questa macchina non ha fatto la revisione, debbo rilevare la multa, inoltre tornate indietro perché con quest’auto non potete circolare, siete troppo pesanti ed in 5 non va bene che ci stiate
Aldo: Ade’ i poliziotti se mette pure a guarda’ quanto uno pesa, perché non cambiade la scritta su la portiera, ‘nvece de POLIZIA STRADALE scrivedece “servizio de dietediga”? Accojio’…Torna’ indièdro? Ma proprio per niente, tel sogni, ormai ce so’, pago la multa e gimo al mare, AMICIIIIiiii….famo la colletta; oppure, sci’ l poliziotto se pentisce, magari ce l’abbòna e la scampamo sta’ òlta…E’vero poliziotto che si’ tanto giuinetto e carino, come te chiami?
Poliziotto: non ci provi nemmeno, non m’intenerisce né mi commuove, sono 169 euro di multa e sappia che sono magnanimo, potremmo arrivare sino a 679!
Aldo: Ma cusci’ non ce ‘rmane mango i soldi pe’ ‘n panino….c’hai rovinado la giornada


Rassegnati i cinque, racimolando i soldi per la multa mògi mògi, con aria affranta e desolata si guardano a lungo senza proferire parola. Costretti a tornare indietro decidono di consolarsi facendo una sosta a Senigallia, dove possono giusto sorseggiare una spuma al cedro e gustare la pizzetta alla cipolla coi pochi euro rimasti in tasca.
Gustavo: E so’ contento…dice: ‘Gimo a diverticce… a vede le belle donne in costume… conoscemo le ballerine sul cubo… magnamo ‘l pesce bòno al ristorante GREEN, tanto le moji non c’è, e guarda come semo gidi a fini’…Mezzi morti de fame, senza na’ compagnia, senza fa’ n’amicizia. Adè que je ‘rcontamo a quelli ch’è rmasti al Circolo, le giuggiole, que figura ce famo?

Aldo: ma pure vualtri non ve podevade porta’ i guadri’, ndo’ gide coi soldi contadi?
Gino: Nol chiede a me che i soldi li tie’ mi’ moje, de più non me n’ha lassadi
Gustavo: La mia m’ha lassado giusto 5 euro pe’ le sigarette
Lino: la mia m’ha dìtto : “Tanto ‘rmani li’ casa i soldi a que te serve? Giù ‘l Circolo passo io a paga’!”
Anacleto: La mia ‘nvece m’ha schiarido bè: “Non te ‘zzarda’ a tocca’m ‘n centesimo dei soldi che sta ntel primo cassetto, è quelli pe’ l’affitto! Nonostante tutto ‘n bel po’ je n’ho ‘nculadi…e ade’ que je ‘rconto quanno vo’ a casa?
Aldo: Allora sentide la proposta mia: siccome che tanto a Jesi cusci’ non ce podemo ‘rtorna’ che ce sputtanamo solo, visto c’ho è ‘l pieno nte la maghina dirìa de dirìgece pe’ l’Eremo de San Silvestro a Fabbriano, je dimo che cercamo alloggio, tanto c’ha la foresteria, le cellette dei fradi è belle fresche e poèsse che ce passa da magna’ frugale ma gratisse, a nuantri ce basta, que ne pensade?
Gino: Non vedo l’ora de canta’ le Laudi e i Vespri coi Fradi all’ora del tramonto, proprio uguale a le camieriere col tutu’…no’ sfizio! Ma sci’ mèjio non se pòle da fa’ m’arendo…mettemo a vodazio’, alzamo la ma’ chi è d’accordo

Tutti alzano la mano e l’allegro gruppetto, dopo circa 40 minuti, si trova all’Eremo silenzioso di San Silvestro, immerso in una natura pacata dall’atmosfera soffusa, intrisa di quiete. Come previsto gustano un pasto frugale, ma sufficiente a soddisfare i loro bisogni e dimentichi del lauto pranzetto di pesce tanto agognato, nonché delle belle donne in pose provocanti sulle spiagge di Riccione, possono sostare nelle fresche cellette dei Frati, unirsi alle loro preghiere e tutto sommato godersi un tempo di sano relax. Nel lussureggiante giardino si scattano i selfie da mostrare al Circolo, raccontando che si tratta dell’Hotel De La Ville dove hanno avuto contatti ravvicinati con graziose ninfette.

Mentre dentro la Chiesa, nella navata centrale con l’altare che fa da sfondo, si scattano altri selfie da mostrare alle mogli, le quali sicuramente stupiranno, credendo nel miracolo della loro improvvisa conversione...Ed ognuno di loro guarda l’obbiettivo e ride…ride…ride “cani’ ” come se dice a Jesi!!!






Questo è un articolo pubblicato il 25-07-2017 alle 13:18 sul giornale del 26 luglio 2017 - 5365 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aLAl

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV
logoEV