Quantcast

Monte Roberto: un gemellaggio lungo 10 anni per la Banda di Pianello

3' di lettura 28/07/2017 - Ogni anno uno degli appuntamenti più importanti per una banda musicale che si rispetti è la tanto attesa “gita di fine anno”. Che sia una settimana o solo di un giorno, l’importante è uscire dalla solita routine e fare festa tutti insieme.

Quest’anno in particolare non è stato difficile scegliere la meta, in quanto, sfogliando tra i ricordi, ci siamo imbattuti in un anniversario importante: luglio 2007- Banda Sociale di Storo (TN) E così, nei giorni 21-22-23 Luglio, siamo approdati in questo meraviglioso paesino di montagna, ospiti, per l’appunto, della banda locale. Un detto popolare dice “Storo ridente e vago: ha per corona i monti e per confine il lago”.

In effetti Storo è una piccola borgata al confine con la Lombardia, incastonata tra le maestose montagne e bagnata dal lago d’Idro.

La bellezza di queste trasferte è che durante il soggiorno ci si affida completamente alle mani degli ospitanti, i quali ci hanno fatto conoscere i luoghi a loro più cari.

Essendo Storo la patria di una tipica farina per polenta, non poteva mancare la visita al Mulino di Storo, che racconta la storia di questa particolare farina gialla di granoduro della varietà Marano, dalla raccolta all’impacchettamento, con la quale si cucina una tipica specialità gastronomica: la “Polenta Carbonera” (polenta alla quale viene aggiunta pasta di salame, burro e formaggi di malga), che abbiamo avuto l’onore di mangiare proprio il giorno successivo.

Suggestiva, poi, la visita al Rifugio Nino Pernici, situata a 1600mt di altitudine in prossimità delle Alpi Ledresi, raggiungibile solo attraverso un sentiero di circa 3km. Questo rifugio oltre alla sua storia (fu infatti adibito a mensa per gli Ufficiali durante la Prima Guerra Mondiale) è noto anche per la sua cucina, della quale abbiamo potuto apprezzare i tipici “Strangolapreti”, speck e formaggi di malga. Infine, una piccola sorpresa appena prima di ripartire, con la passeggiata lungo il Torrente Palvico, fino alla spettacolare cascata.

Un piccolo angolino di paradiso terrestre, dove, tra chi ha approfittato per fare un bagno e chi ha messo “in ammollo” soltanto i piedi nelle fredde acque del torrente, abbiamo trovato un attimo di sollievo dal caldo.

La giusta carica, insomma, prima di affrontare il lungo viaggio di ritorno.

Non dimentichiamoci, però, che siamo prima di tutto una Banda e il nostro “compito” è portare la musica e il nostro territorio a passeggio con noi.

Pertanto nella serata di Venerdi 21, proprio nel Palazzetto di Storo, abbiamo riprodotto il tradizionale Concerto d’Estate, eseguito esattamente un mese fa a Pianello, sotto la direzione del M° Bartoloni. Attraverso la musica della nostra Banda e le coreografie del nostro gruppo Majorettes abbiamo portato festa e allegria anche in Trentino.

Ringraziamo con tutto il cuore la Banda Sociale di Storo per l’accoglienza, gli organizzatori e il Comune per l’ospitalità. Sono passati 10 anni dalla nascita di questo gemellaggio e già sapevamo che ci saremo sentiti a casa, proprio come la prima volta. La musica, in particolare la Banda ha il grande potere di unire gente di paesi lontani, sconosciuti, con usi e costumi di gran lunga differenti ma uniti dallo stesso amore per la musica.



da Banda Musicale e Majorettes
Pianello Vallesina







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-07-2017 alle 23:50 sul giornale del 29 luglio 2017 - 2564 letture

In questo articolo si parla di attualità, pianello vallesina, banda musicale e majorettes

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aLIq





logoEV
logoEV