Monte S. Vito: Amo il mio paese 'Comandante municipale e responsabile tecnico, non c'è pace sotto gli ulivi'

31/07/2017 - La fortuna non arride di certo all’Amm.ne Sartini poiché in questi anni, sia per la Polizia Municipale che per quanto l’Ufficio Tecnico abbiamo assistito a valzer di nomine, cambiamenti e persino colpi di scena.

Giusto un anno fa,e a seguito dell’abbandono improvviso quanto inaspettato dell’allora Comandante della Municipale Dott.ssa Capponi (a sua volta nominata al posto del Dott. Marinangeli), veniva nominato il Dott. Martelli. Lo stesso, proveniente dal Comune di Falconara M.ma attraverso l’istituto del Comando, veniva a prestare servizio part time a 18 ore settimanali presso il nostro Comune con un incarico di 17 mesi prorogabili al massimo fino alla fine del mandato (2019).

Con la delibera di Giunta nr. 81 del 27/07/2017 accade però l’imprevedibile. Il Dott. Martelli, trasferito nel frattempo con mobilità esterna presso l’Unione dei Comuni Misa-Nevola a partire dal 1/08/2017, non presterà più servizio a Falconara ma per i prossimi 2 mesi (eventualmente prorogabili..) continuerà a farlo alla suddetta Unione e a Monte San Vito. Il bando di mobilità esterna a cui ha partecipato il Dott. Martelli (e risultato vincitore), non parla però di un part time ma di impiego a tempo pieno per 36 ore settimanali, facendo così intendere che forse la proroga prevista non ci sarà. A meno che, l’Unione del Misa-Nevola che ha emesso l’avviso, non intenda rivedere gli accordi.

A questo punto però, ci troveremmo di fronte per la terza volta in soli due anni, alla ricerca di un nuovo Comandante per Monte San Vito. La nostra posizione è da sempre ben nota: non riteniamo utile dotarci di un Comandante ma bensì di assumere almeno un’unità operativa specie nel periodo estivo che è il più abbisognevole, a supporto di un organico già risicato.

Non siamo inoltre nella condizione di perdere ulteriore tempo e risorse per fantomatiche procedure di selezione per un altro Comandante e, semmai si dovesse decidere di individuarlo, auspichiamo stavolta sia quello giusto…

Se il fronte della Municipale piange, non ride di certo quello dell’Ufficio Tecnico. Qui in realtà non abbiamo ancora ben compreso cosa stia accadendo. Dopo una selezione di candidati, veniva nominato con decreto sindacale l’Ingegner Baldini che avrebbe dovuto iniziare a “prestare servizio” dal 3/7/2017.

Nel frattempo, l’Ufficio Tecnico che in passato era stato inspiegabilmente “spacchettato” in due settori (con due responsabili per 4 dipendenti) viene affidato al Geom. Caimmi, a cui solo 3 anni fa era però stata negata la responsabilità dell’Ufficio. Oggi, in una condotta incoerente quanto confusionaria tipica dell’operato finora svolto dall’Amm.ne Sartini, al Geom. Caimmi (che forse nel frattempo è tornato ad essere meritevole anche senza la laurea che a suo tempo invece costituì presupposto ostativo…) viene affidato anche il 3° settore - settore che appunto doveva essere gestito dall’Ing. Baldini – fino al 31/12/2017.

Una scelta in cui negli atti, non troviamo però riportata alcuna motivazione. Alla luce di quanto sopra, su cui effettueremo tutti gli approfondimenti del caso, ci chiediamo cosa stia accadendo a Monte San Vito. Di certo, questo continuo valzer di nomine nei vari settori e negli Uffici la dice lunga sull’incertezza amministrativa che regna su chi governa, caos reiterato che rischia di minare la serenità del servizio e che a cascata, può cagionare potenziali disagi per i cittadini.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-07-2017 alle 11:07 sul giornale del 02 agosto 2017 - 2579 letture

In questo articolo si parla di attualità, monte san vito, thomas cillo, amo il mio paese, lista civica amo il mio paese

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLK7