Jesi in rima: appuntamento con la rubrica in versione estiva

Caldo 16/08/2017 - Ancora una volta Marinella Cimarelli ci fa trascorrere qualche minuto di risate e simpatia con "Il diluvio poco universale".

Dino: che se podesse scatena’ tutte le forze del cielo, de la tèra e del mare..che podesse piòe come ‘n colpo…ch’arvenisse ‘l diluvio de Noè!

Mario: ma con chi l’hai?

Dino: l’ho co’ sta’ stagio’ che me fa pia’ ‘n colpo dal caldo

Mario: becca su e porta casa pe’ st’inverno, sentirai quanno te riva la bolletta de lo riscaldamento, rimpiagnerai l’estade

Dino: chiamala estade sto fògo che arde da la madina a la sera, ndocche te metti ‘bbrugi, qualche tocchi scotta: i piatti, i bicchieri, le forchette…e quanno ‘ppoggio ‘l culo nte’ la sedia m’arvie’ l’emorroidi

Mario: io digo che non ve contentade mai, di’ qualche te pare ma quessa sci’ che è na’ vera estade, se schioppa dal caldo perché è giusto cusci’!

Dino: Eeeeh…. sarà giusto!…Ma non vedi che ‘l clima è cambiado? Non c’è più le mezze stagio’, o è caldo o è freddo eppo’ non piòe, je dice clima ‘continentale’, ormai gimo à la deriva, semo vicini all’Apocalisse, finisce ‘l mondo, ma tanto è giusto perché famo schifo: tutte guère, attentadi, teremòdi, frane, alluvio’, cigloni, sbocchi de sangue…

Mario: quanto si’ pessimista fijo caro, io non me la pìo cusci’, magnece ‘n bocco’ de pa’; ade’ quanno se metterà a piòe com ‘n colpo te pentiscerai de siguro… vedrai, nol sai che appena se mette a piòe finisce l’estade?

Dino: e finiscesse l’estade, non me la pìo pernie’, ma te pare bella che ‘l gra’ non matura perchè non cresce e non crepa, le verdure e le frutte è ‘mpodacchìde, le piante tribbola, i fiori se smoscia, eppo’ non poi tocca’ a tu’ moje perché dice che suda e j’hai da sta’ lontano. La mia m’ha mannàdo a durmi’ giù la cantina perché dice che je fo’ caldo ntel letto, sta mèjo ‘l ca’ co’ la cuccia ntel giardi’.

Mario: tra pògo cambia comunque, sentirai che temporali…che tròni

Dino: magariiiiiiiiiiii…tanto io c’ho ‘l parafulmine del convento de le Mònnighe dell’Arco Clementino, le piante sta sui giardini, scimmai toccherà a te

Mario: ma vai a moriàmmazzàdo! Ade’ duvrìa crepa’ perché sto de casa sul Viale Cavallotti? Tòh, becchete sti’ corni, que fai porti sfiga?

Dino: que ne sai? Tutto po’ succede, semo tutti de passaggio su sta tèra, miga sei immortale!

Mario: ho capido ma miga so’ tanto vecchio , famme passa’ prima nte na’ Casa de Riposo almeno ‘n po’ d’annetti!

Dino: comunque sia prima o poi hai da muri’…

Mario: ardàjeeeeeeeeeee…famme fa’ i scongiuri che te stamadìna porti jèlla

Dino: So’ nervoso, nevrastènigo, ansioso, agitado, gnorante… non me parla’ più finchè non vedo na’ goccia d’acqua, in pòghe parole: “Non vòjo esse parlàdo!” Chiaro?

Mario: capirai, te voleo di’ sci’ te ne ‘ndava de fa’ na’ partida a carte…

Dino: le carte méttedele fra Osimo e Camerano; dendro ‘l Circolo non ce vièngo perché non c’è l’aria condizionada, anzi, ade’ vo’ giù ‘l Torrio’, li’ sci’ che se sciala!

Mario: guarda che ‘l tròi già occupado, ragiona tutti come te, è pieno d’anziani che se mette a sède su le panchine

Dino: embè li fo’ alza’ su e me ce metto io, un po’ per uno non fa male a nisciu’

Mario: scièèèè..e chi li sposta? Quelli ormai c’ha fatto casa e tetto!

Dino: ce credo, quelli vòle becca’…è pieno de badanti che quànno c’ha il giorno lìbbero passa ‘l tempo a sède e magna la pizza e discore…discore..per me dice male de le famije ndo’ fadiga e se lamenta de quelli ch’assiste; cel sai che qualchiduna l’ha scuperta che dacèa i psigofarmaci ai vecchetti pe’ scappa’ e gi’ a balla’ la notte? Pensa nuantri chi ce semo messi dendro le case! E’ n’invasio’, na’ giungla, ‘n bordello, no’ scatafascio, è la fine del mondo te digo, la vòi capi’?

Mario: sci’, ma sci non ce fosse quesse nuantri que faceressimo? Fadiga tutti al giorno d’oggi, non c’ha tempo a guarda’ i vecchi!

Dino: se fa come se facéa na’ òlta, le donne rmane dendro casa, guarda i fiji e la famija e non va’ cercanno le rogne come ade’

Mario: dillo a lora! Pròece… e me sa che pii ‘n boccado’

Dino: no, io non digo più nie’ tanto non me da retta nisciu’ , la gente s’è ‘mmattìda, ‘l mondo s’è rvòltigado

A quel punto della conversazione si ode un rumore sordo in lontananza.

Mario: …Senti ‘n po’… m’è parso ‘n tòno o me sbajo?

Dino: non po’ èsse, dighi perdero? A me me pare n’aeroplano…Troppa grazia Sant’Anto’ … pioesse. Sci piòe perdono le badanti e tutti l’immigradi che vie’ oltre col barco’ , o mèjo co’ le ‘bagnarole’ visto che na’ metà s’affonna ntel mare, viengo a gioga’ a carte, capace che sci me sfizia te offro pure ‘n caffè, festeggio che poèsse c’ho la speranza de rgi’ a durmi’ ntel letto mia!

Mario: me auguro proprio che piòe presto perché con te non ce se combatte, è dura a sopportàtte oggi, non te sta be’ nie’…Sai a chi me ricordi? A Baffo’, quello non je dava fastidio siguro ‘l caldo, lu’ stava nte’ lo Chalet de montagna tutto ‘l giorno co’ Eva Brawun, capido ‘l ‘Signorinello’?…Sta’ attenti a non fa’ la fine sua! Spero che de acqua ne butta giù muntabe’, cusci’ tantada lavàtte ‘l cervello, purifigàtte la zocca, scalcagnifigàtte bembe’ finanto che no’ rtorni normale a ragiona’ come Cristo comànna, testa de rapa!!!






Questo è un articolo pubblicato il 16-08-2017 alle 12:16 sul giornale del 17 agosto 2017 - 5270 letture

In questo articolo si parla di cultura, caldo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMdk

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima