Quantcast

Jesi in Rima: 'Regali di Natale'

4' di lettura 30/12/2017 - L'appuntamento col Natale di pochi giorni fa ha rappresentato per qualcuno l'occasione per svuotare il portafogli..buona lettura!

Gino: stamadina al Bangomat je mangava solo la parola, bastava che dicesse: “I soldi non c’è più, domanneli a tu’ moje!” Te sai qualchicco’?

Rita: sci, l’ho spesi tutti, voresti di’ che non te sta bè per caso?

Gino: che pòsci arde, ma que te dice la zocca, te si’ mmattida tutta na’ òlta…ma ce sei o ce fai? Prima me dighi: ‘damme ‘l Bangomat che c’ho da fa’ du-tre spesucce’, eppo’ prosciughi ‘l conto corènte …da ‘mmazzatte de bastonade!

Rita: scièèèèè, pròa a toccamme e chiamo i Carabinieri, que te credi che vòjo fa’ la morta de fame e le figuracce in giro per colpa tua proprio sott’a le feste de Natale?

Gino: vòjo sape’ ndo’ è finidi i soldi delinquente assassina, l’ho tenudi tanto a conto e te me scialacqui nte’ ‘n giorno tutti i sparagni mia!

Rita: i soldi è pure i mii, tanto pe’ comincia’, perciò cumincia a ‘bbassa’ la cresta, e oltretutto ‘n se po’ fa’ a meno de fa’ i regali…

Gino: a chi?

Rita: come a chi, cel domanni pure? Gnorante, grezzo, spilorcio, taccagno, eppo’ stamadina me pare pure che puzzi, dopo vatte a lava’ che non te se sta vicino…
Primo, al dottore che è sempre tanto garbado e ce tratta a guanti bianghi, pure sci’ c’ha na’ marea de gente che no’ rda’ resto, poro ca’…; Secondo, a quello che m’ha operado l’anca, è stado tanto brao, eppo’ a le segretarie je vorai regala’ almeno ‘n panetto’ peruna, ce segna sempre le medicine; Terzo, c’è da contà Rinaldi’ che me fa tutti i lavoretti dendro casa, ‘ggiusta l’ante dell’armadi scardinade, ‘ttacca su bembè i quadri e no come che fai te che rimpi ‘l muro de bughi grossi come quelli dell’Emmental, eppo’ n’antre po’ de cose che ade’ non me le ricordo; Quarto, Giua’ ‘l giardiniere, che sci’ spetto a te me cresce l’erba pure dendro casa; Quinto, l’idrauligo che siccome non sai ’ccommeda’ mango no’ rubinetto che butta e mango sci’ crepi ‘l faresti, allora me tocca a chiama’ a lu’; Sesto, c’è l’elettricista, visto che te no sai svida’ na’ lampadina senza armane’ fulminado quello me serve; Settimo, c’è da da’ la treddicesima a la donna de servizio, o vòi ‘pprofitta’ pure de lia?; Ottavo, ndo’ li metti i fiji e nipodi? Guarda che oggi i munelli è sveji, vòle ‘l tablette, l’aipadde, l’aifonne, la plaistascione, ce l’ha tutti l’amici sui, bisogna a fajeli scinno’ se sente inferiori!; Nono, non ce conti ‘l Prede? Poretto, non c’ha mango la perpetua, la madre j’è morta, è rmasto solo, j’ho comprado ‘n bel po’ de cappelletti che je durerà come minimo da Natale a dopo la Befana; Decimo, preparede che arìva l’elenco dell’amighe mie del còre, me sa fadiga per te ma ce n’ho muntebè: Romalda, Sira, Decia, Ginetta, Lodoviga, Silde, Luciola e quel simpadigo’ de Peppe de Nastri’, ditto cusci’ perché gioga a carte coi fiocchi! N’è come te che a briscola a coppie ma fai perde sempre! EPPO’c’è da tene’ sempre qualchicco’ li’ casa sci’ uno te fa no’ regalo imprevisto

Gino: sta’ a senti’ cocca bella, comensamo col di’ che m’hi’ sfinido l’esistenza co’ tutto s’elenco de regalìe spannicciade a destra e sinistra come che fossi la moje de Baleani quanno che ‘nvece si’ na’ morta de fame come me perché stamo sotto lo stesso tetto disgraziadamente. Dirìa che po’ basta’ perché ho perso la pasienza. So’ rivado a la fine dei Dieci Comandamenti tiranno giù na’ bastigna per volta tutte a scaletta che ce girò dritto all’inferno…come minimo. Ade’ vo’ via da casa e non so mango sci’ rviengo, anzi, te non me prepara’ da cena perché sci’ non me sbolliscio capace fo fori a qualcuno prima de notte perciò, pertanto, e vòjo parla’ de fino, sarà mèjo che ‘mi assento, mi dileguo’, spariscio….e me pare pure d’ave’ capido che sci’ vòjo du’ spiccioli pe’ le sigarette me tocca gi’ a domanna’ l’elemosina davanti a lo SMA de fronte! Prima però famme mette ‘l lucido de le scarpe nte’ la faccia scinno’ se vede che so’ biango de pelle e la gente non se fida..pensade vualtri…non se fida, a ‘rcontalla ‘n ce se crede!






Questo è un articolo pubblicato il 30-12-2017 alle 21:31 sul giornale del 02 gennaio 2018 - 4338 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aQjt





logoEV