x

SEI IN > VIVERE JESI > SPORT
articolo

Calcio: Jesina, boccone amaro, contro il Monticelli solo un punto

3' di lettura
1595

di Giancarlo Esposto


Jesi – Finisce con un pareggio che scontenta entrambe, il match tra la Jesina il Monticelli. Scontenta entrambe perché in ottica salvezza ormai i pareggi servono a ben poco, specie nei match considerati scontri diretti.

Non si può certo dire che la Jesina non abbia affrontato la partita con la giusta determinazione, il contrario, ma se la squadra continua a prendere gol sciocchi come quello di oggi, non sarà affatto facile scampare dai play-out, che si stanno concretizzando, domenica dopo domenica.

La Jesina comincia bene e già al 7 la conclusione di Magnanelli, su respinta della difesa sfiora il palo destro.

All’11’ bella azione congegnata da Valdes che colpisce al volo per Montuori, ma Cameruccio appostato in area, si fa anticipare dalla difesa ospite.

La Jesina reclama per un intervento di Aloisi in area ospite al 17’; il terzino spalla la palla, ma dà l’impressione di falciare Cameruccio, prima dell’impatto con la sfera.

Al 19’ pericolo per la porta di casa: la difesa non riesce a far scattare correttamente la trappola del fuorigioco, si inserisce Galli, che però colpisce la traversa.

Jesina nuovamente pericolosa al 31’, quando Carotti raccoglie una respinta della difesa ascolana, senza però riuscire a inquadrare la porta.

Nella ripresa Di Donato, che ha dovuto rinunciare allo squalificato Trudo, effettua qualche cambio; in particolare quello di Pierandrei al posto di Valdes, ha il potere di cambiare volto alla Jesina.

E proprio su un lancio di Pierandrei, all’8’, Cameruccio sblocca il risultato, arrivando in velocità davanti a Marani, dopo oltre 30 metri di corsa solitaria. Pallonetto vincente e palla in fondo al sacco.

Al 19’ viene espulso il tecnico di casa, per una protesta nei confronti del direttore di gara, Monaldi di Macerata, apparso in più di una occasione, non all’altezza dell’importanza del match.

Ancora Cameruccio pericoloso al 28’, ma la sua conclusione, benché tesa, è troppo centrale e Marani blocca.

Il pareggio arriva inaspettato, sull’ennesimo errore difensivo di stagione: è il 35’. Margarita lascia partire un cross rasoterra che nessun difensore riesce a intercettare, Ciabuschi appostato sul secondo palo batte Tavoni.

La Jesina recupera le energie residue e prova a rendersi ancora pericolosa.

Al 43’ Pierandrei ben appostato, colpisce di sterno, ma troppo debolmente, un minuto dopo va ancora alla conclusione, senza riuscire a impensierire Marani.

Qualche secondo dopo Sassaroli viene visibilmente travolto in area ospite, ma anche stavolta il direttore di gara lascia correre.

L’ultimo tentativo è al 47’; Magnanelli controlla bene, ma la palla finisce a una manciata di centimetri dal palo destro e quindi a fondo campo.

Il finale di una partita non bellissima è decisamente brutto, con spintoni tra alcuni giocatori delle due squadre e il Monticelli che rinuncia ai saluti finali.

JESINA-MONTICELLI 1-1

Jesina: Tavoni, Silvestri (1’ st Sassaroli), Montuori (1’ st Anconetani), Giorni, Gremizzi, Carotti, Cameruccio, Zannini (34’ st Giovannini), Valdes (7’ st Pierandrei), Magnanelli, Parasecoli. All.: Di Donato.

Monticelli: Marani, Aloisi, Bassini (30’ st Vallorani), Pierantozzi, Castellana, Muci, Gesue, Fazzini, Galli (39’ st Petrarulo), Margarita, Cocchieri (20’ st Ciabuschi). All. Stallone.

Arbitro: Monaldi di Macerata.

Reti: 8’ st Cameruccio, 35’ st Ciabuschi,

Ammoniti: 14’ Fazzini), 31’ pt Gremizzi, 44’ st Pierantozzi, 46’ st Cameruccio e Petrarulo. Espulso Di Donato al 19’ st.

Spettatori 300 circa

Angoli; 3-2



Questo è un articolo pubblicato il 18-03-2018 alle 17:47 sul giornale del 19 marzo 2018 - 1595 letture