Quantcast

Andrea Crostelli e Giacomo Gaddoni presentano 'Le anime di un quadro'

1' di lettura 18/05/2018 - La mostra è un susseguirsi di "studi" scaturiti dalla visione delle opere di artisti come Martini, Braque, Sironi, Carrà e altri moderni e contemporanei.

Crostelli si avventura nel mondo di questi maestri per scavare e scovare nell'intimo di un dipinto le possibili anime in procinto di uscire, catturandole e trasportandole nella superficie idonea alle loro caratteristiche con oli e pastelli. Gaddoni, a sua volta, si aggancia sviluppando il lavoro del suo compagno di viaggio. L'opera di uno si collega all'opera di un altro e poi di un altro ancora. L'arte è viva, è sempre in movimento. L'arte è uno sguardo e ha uno sguardo: l'arte è "persona" e come la persona genera.

Andrea Crostelli sviluppa il suo operato lavorando su scale di grigi, bianchi e neri. Giacomo Gaddoni a questi aggiunge il rosso, fotografando brandelli del suo vissuto senz aritocchi, senza filtri: lascia che la lettura del suo cuore avvenga in maniera diretta, attraverso gli occhi fulminati da quel flash. L'inquadratura del soggetto da lui descritto cerca equilibrio tra le ubriacature della luce, portando gli elementi di cui si avvale su uno stesso piano (anche se nelle ultime elaborazioni alcuni "sbalzi", cose che si avvicinano e altre che si allontanano, appaiono come impronte di cambiamento).

Galleria Palazzo dei Convegni di Jesi (An) dal 22 al 28 maggio (orari: 10-13; 15-20)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2018 alle 16:14 sul giornale del 19 maggio 2018 - 619 letture

In questo articolo si parla di cultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aUHk





logoEV
logoEV