x

SEI IN > VIVERE JESI > SPORT
articolo

Calcio: Jesina, scelto il nuovo allenatore

2' di lettura
2529

di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it


La Jesina Calcio ha finalmente scelto il nuovo allenatore, dopo il no del nostrano Bacci e sfumate altre trattative: si tratta di Davide Ciampelli.

Originario di Città di Castello, Ciampelli ha 35 anni ma è gia considerato "allenatore professionista con alle spalle importanti esperienze sia nel settore giovanile, sia in squadre di categoria superiore, avendo concluso l’attuale stagione come secondo al Perugia in serie B, fino ad arrivare ai playoff per la promozione in A". Così viene preliminarmente presentato dalla società leoncella, che punta sul ripescaggio in serie D.

Capelli ha iniziato a 20 anni la sua carriera di allenatore perché un grave infortunio lo ha costretto ad abbandonare il calcio giocato. Lavora con i giovani, nelle scuole calcio, e vince, dal 2009 al 2013, cinque campionati consecutivi, tre con i Giovanissimi della sua Città di Castello, uno con gli Allievi del Bastia e uno con gli Allievi Nazionali Lega Pro del Perugia. Alla guida dei giovani “grifoni” resta fino al 2016, conquistando anche un 2° posto e il torneo “Nereo Rocco” di Firenze, dove è stato premiato come miglior allenatore della manifestazione. Nella stagione 2016-2017, oltre a conseguire il patentino Uefa A a Coverciano, ha guidato la Primavera del Perugia qualificandosi al Torneo di Viareggio.

Lo scorso anno è stato chiamato da Federico Giunti come suo vice per la prima squadra del capoluogo umbro. Complice la squalifica dello stesso Giunti, ha guidato il Perugia nelle prime due partite di campionato, vincendole entrambe contro l’Entella e il Pescara. È rimasto nel suo ruolo anche dopo l’esonero di Giunti e l’arrivo di Roberto Breda e, successivamente, con Alessandro Nesta fino a disputare i playoff per la promozione nella massima serie.“È il profilo dell’allenatore che cercavamo - spiega il responsabile tecnico della società, Gianfranco Amici - vale a dire una persona abituata a lavorare con i giovani, preparata e con la giusta ambizione di crescere ancora. Ha forti stimoli per questa che è una grande opportunità sia per lui, sia per la stessa



Questo è un articolo pubblicato il 26-06-2018 alle 14:23 sul giornale del 27 giugno 2018 - 2529 letture