Quantcast

Maltempo, Confartigianato: 'Danni ingenti alle imprese, subito lo stato di emergenza'

2' di lettura 04/09/2018 -

Danni ingenti per le imprese di Jesi colpite dalla bomba d’acqua. Fondamentale spingere sull’ottenimento dello stato di emergenza per accedere a forme di rimborso che possano risarcire aziende e privati. Confartigianato sostiene l’azione del Comune e auspica che si traduca nel reperimento di fondi in aiuto alle attività per le perdite subìte. Suggerisce anche di verificare la possibilità di destinare qualche altra risorsa alla stessa finalità.

Stiamo ricevendo molte segnalazioni da parte delle imprese che sono state danneggiate dall’alluvione – dichiara Giuseppe Carancini responsabile dell’ufficio jesino della Confartigianato – Ci siamo attivati subito per monitorare la situazione a fronte dell’emergenza e constatiamo che la mole d’acqua che si è abbattuta sulla città ha causato danni enormi.

Aziende allagate, merce rovinata, mobilio, pavimenti e strumenti di lavoro compromessi. Molte imprese hanno dovuto interrompere l’attività, e tante si trovano ora costrette, per riaprire, ad affrontare costosi interventi di pulizia, ripristino e/o a dotarsi di nuove attrezzature. Danni non solo strutturali; a questi vanno aggiunti i mancati incassi dei giorni di inattività e le commesse eventualmente perse.

Siamo in contatto con il Comune di Jesi e con l’Ufficio di Protezione Civile, dei quali riconosciamo l’impegno in risposta alla emergenza, e siamo stati informati che sarà pubblicata sul sito del Comune la modulistica atta alla segnalazione dei danni, perché venga poi tutto inviato alla Regione al fine del riconoscimento dello stato di emergenza – continua Carancini della Confartigianato.

Invitiamo pertanto tutte le aziende a fare una stima dei danneggiamenti occorsi, raccogliere documenti e materiale fotografico a testimonianza e quindi procedere alla segnalazione. Gli uffici Confartigianato sono a disposizione per ogni informazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-09-2018 alle 16:21 sul giornale del 05 settembre 2018 - 623 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aX4z