Quantcast

Similitudini, terzo appuntamento: due incontri con la poesia analogica e digitale

1' di lettura 19/09/2018 - La Biblioteca Planettiana propone il terzo appuntamento della rassegna “Similitudini”, il percorso espositivo multisensioriale che promuove la poesia e le arti. Le date da segnare sul calendario sono due.

La prima è quella di venerdì 21, alle 18.30, quando nella sala maggiore di Palazzo Signoria verrà presentato lo spettacolo “Digitale come la poesia”: la poesia nell'era digitale tra promozione ed influenze elettroniche. Valerio Cuccaroni (Nie Wiem, La punta della lingua), Eugenia Galli e Toi Giordani (Zoopalco, Bologna) insieme a Fabrizio Venerandi (Poeta elettronico, Genova) si interrogheranno su come la poesia, insieme alle altre arti, è stata completamente rivoluzionata dall'avvento della società digitale e dalle mutazioni che questa ha prodotto.
Da un lato, la promozione, la divulgazione e il marketing legati al mercato della poesia, l'hanno costretta a misurarsi in modo radicale con le nuove tecnologie. Dall'altro però la poesia viene ancora vissuta come resilienza da poeti che scrivono i propri versi esclusivamente con carta e penna, e alcuni che per scelta non trascrivono digitalmente i propri testi.

Il secondo incontro sarà sabato 29, stesso posto e ora (Palazzo Signoria, 18.30) sul tema “Analogico come la poesia”: la voce dei poeti e la ricerca della qualità sonora. Un ascolto guidato di brani poetici in vinile in collaborazione con Estro Armonico. Ancora un volta - grazie alla collaborazione tra la Biblioteca Planettiana e l'Associazione Liberi Pensieri, creatori ed organizzatori della rassegna e a Radio Duomo, nuovo media partner del progetto - ci si interrogherà sulla capacità unica della poesia, a volte magica, di far convivere al suo interno delle coppie antinomiche e contraddittorie. L’ingresso è libero.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-09-2018 alle 11:26 sul giornale del 20 settembre 2018 - 543 letture

In questo articolo si parla di jesi, spettacoli, Comune di Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aYwh