Sindaco viaggia fino a Jesi per 'scaricare' straniero, la posizione della Cgil

22/10/2018 - La Cgil interviene sull'episodio denunciato dal presidente dell'ASP ambito 9, Pesaresi, alcuni giorni fa: il sindaco di un comune marchigiano avrebbe portato un extracomunitario senza fissa dimora, disabile, nel territorio jesino, lasciandolo così senza avvisare l'amministrazione comunale o gli operatori del servizio.

Il grave episodio accaduto ha visto protagonista una persona disabile e senza fissa dimora che è stata trasportata da un sindaco marchigiano verso il comune di Jesi.
Come Cgil Ancona, crediamo sia necessario focalizzare il punto della situazione: le persone, siano esse sane o malate, abili o disabili, residenti o senza fissa dimora, italiane, comunitarie o migranti, non possono essere “scaricate” da parte di una pubblica amministrazione che anzi dovrebbe farsi carico delle necessità delle persone malate ed in condizioni di disagio.

Le condizioni di povertà, assoluta e relativa, sono in crescita anche nel nostro territorio e richiedono provvedimenti urgenti e strutturali per il loro contrasto. “La soluzione - dichiara Tiziana Mosca ,segretaria della Cgil Ancona - non può assolutamente essere quella di spostare le persone lontano dallo sguardo dei propri concittadini;una pubblica amministrazione ha il dovere di promuovere l'inclusione e l'integrazione secondo i dettami della Costituzione e il sindaco in questione dovrà rispondere legalmente del suo operato. Ciò che è certo è che quanto accaduto va condannato senza se e senza ma eticamente e politicamente.”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2018 alle 11:47 sul giornale del 23 ottobre 2018 - 3411 letture

In questo articolo si parla di attualità, cgil ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZDO