Quantcast

Basket: per l'Aurora un bel ritorno alla vittoria, 89-77 contro Udine

3' di lettura 25/11/2018 - Dopo la sconfitta di Treviso la Termoforgia torna alla vittoria contro Udine, una delle squadre di alta classifica, costruita certamente per un campionato di vertice.

La fa costruendo il successo su una grande prova collettiva, che ha avuto nella difesa probabilmente il suo lato migliore. Certo, 89 punti segnati non sono pochi, specialmente contro il secondo miglior attacco del girone Est, ma la squadra di Cagnazzo ha costruito la sua prestazione – forse la migliore sinora in questa stagione – su intensità, energia, voglia di sacrificarsi e aiutare i compagni in difficoltà. E con questa mentalità si può cominciare a pensare ancor più positivo di quanto fatto sinora.

La squadra ospite ha dato del filo da torcere soprattutto nel primo quarto, quando tutto sembrava girare per il verso giusto, con Simpson e Powell che trovavano la via del canestro con fluidità.

Il match passava in mano jesina all’inizio del secondo quarto: Jones segnava nove punti di fila, fino alla parità, 25-25, il resto lo facevano gli altri, già a partire della difesa.

Al riposo sul 46-37, la Termoforgia ha subito concretamente un solo tentativo di rimonta, coinciso con un periodo di appannamento di Dillard, a testimoniare la sua importanza per la squadra. Poca roba, Udine non è andata oltre il +3 (60-57), ma nell’ultimo quarto, a suon di canestri, la squadra di Cagnazzo si è ripresa legittimamente in mano la partita, con un eloquente 32-17, con una sequenza spettacolare di attacchi e difese.

Si temeva molto il match per la consistenza dell’avversaria, tanto quanto per le difficoltà di classifica: ebbene, la squadra ha dimostrato, soprattutto a se stessa, di avere numeri e qualità.

Domenica prossima altro impegno casalingo all’Ubi Bpa Sport Center contro un’altra grande, Verona. La speranza è che coloro che oggi sono rimasti in casa per non rinunciare al pranzo della domenica in famiglia, stavolta non rinunci alla partita.

TERMOFORGIA JESI – GSA UDINE 89-77 (16-20; 30-17; 11-23; 32-17)

Termoforgia: Dillard 15 (1/4, 3/8), Baldasso 16 (2/5, 3/3), Rinaldi 9 (3/8, 0/1), Totè 18 (9/13, 0/1), Jones 23 (6/10, 3/7), Kouyate ne, Mentonelli ne, Bordoni ne, Mascolo 8 (2/5, 0/0), Santucci 4 (0/0, 0/0), Valentini ne, Lovisotto (0/0, 0/1). All.: Cagnazzo.

Tiri liberi 16/21 – Rimbalzi 40, 7+33 (Rinaldi 10), Assist 19 (Dillard e Mascolo 7)

Udine: Cortese 10 (2/7, 2/6), Simpson 22 (5/10, 4/6), Penna 4 (2/3, 0/0), Pellegrino 6 (2/4, 0/0), Powell 18 (6/11, 2/5), Mortellaro 4 (1/3, 0/0), Pinton 3 (0/1, 1/7), Genovese 5 (1/1, 1/2), Nikolic (0/1, 0/0), Spanghero 5 (1/2, 1/5). All.: Cavina.

Tiri liberi 4/9 – Rimbalzi 11, 11+30 (Mortellaro 10), Assist 17 (Penna 5)

Arbitri: Tirozzi, Caruso, Tarascio

Spettatori: 1640






Questo è un articolo pubblicato il 25-11-2018 alle 16:05 sul giornale del 26 novembre 2018 - 1318 letture

In questo articolo si parla di sport, udine, aurora basket jesi, articolo, giancarlo esposto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/a1Ku





logoEV
logoEV