Jesi in Rima: il 2018 in una poesia

2' di lettura 11/01/2019 - La poetessa Marinella Cimarelli saluta l'anno appena concluso con una poesia che ripercorre gli eventi che più hanno colpito l'attenzione dei lettori.

SALUTI AL 2018

L'anno vecchio è finido,

allora gimo a vede

qualche c'ha portado,

certo che all'inizio

non s'era messa be'

parecchia gente è andada

e male c'ha lassado

rimane lo ricordo

de qualche era ed E'...

Perchè esiste ancora

in ognuno de nua'

coi pezzi de la Storia

che sempre rimarrà.

‘L tempo ha fatto ‘l matto

la grandine c’ha seppellido

sci’ c’aveo ‘l tritaghiaccio

sai quanti Mojito!

La Cittadina Bella

è avanzada n'antro po'

Rotatorie, Telecammere

qualc'altro Lampio'

giuppe le Strade e i Viali

ndocche era più scuro

perchè la Popolazio'

stesse più al Siguro.

La delinquenza c'è

purtroppo no' scompare

tocca fasse furbi Jesini

damoce da fare...

Donne vualtre le borse

portadele a Tracolla

no' tenedele mai

solo su la spalla,

ve la strappa via

e ve colca per tèra,

eppo' sci' ve capida

la difesa vera

è 'n dido nte' n'occhio

o chiappallo pe' la gola

vedrai che n' c'è paura

de gi' giranno sola!

De mumenti belli

n'avemo avudi tanti

al Teatro, al Museo

ha visto tutti quanti

che Spettacoli adatti

a tutta la cittadinanza

Eventi, Mostre, Fiere...

diria che basta e avvanza

pure sci' la Cultura

non basteria mai,

esalta lo Spirido

e tie' lontano i Guai.

Lo Sport è gido avanti

co' la balda Gioventu'

e le Glorie ce distingue

ormai sempre de più,

perchè sti' ragazzi Aitanti

beve solo 'l Ginseng

non se 'mbriaga o se droga

come i Diauli de le Baby gang!

Pure st'anno ssi' munelli

pare che s'è Divertidi

ha rotto i lampiu'

i giardini l'ha devastadi

ha divelto le panchine

saccheggiado l'ospedale

giù 'l Parco del Vallado

ha preso a sassade

vecchi e donne incinte

figuramoce che imprese,

speramo che i genitori

rimborsa le spese,

e je 'mparasse l'Edugazio'

sci' che je servisse

magari con Boccado'!

La città è Pulida

le regole è Rispettade

le condotte dell'animali

è stade regolamentade,

i Negozi vende e svende,

i Locali è sempre pieni,

e nel Duemiladiciotto

non emo visto l'Alieni!

Pogo non è, que dide?

Ce podemo contenta',

quesso è lo spaccado

de la nostra Realtà,

Alti e Bassi comunque

c’è Dappertutto,

tenemo bene a mente

che ogni cosa è Frutto

del Seme che se pianta,

de come se Coltiva,

de la Cura Dedicada

come a na’ pianta d'Uliva…

e come Simbolo de Pace

de Convivenza Civile

sia ‘n gioiello Protetto

sotto al Suo Campanile!






Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2019 alle 18:45 sul giornale del 14 gennaio 2019 - 1797 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3ck

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV