Palazzina ex Asl, M5S: 'Servono chiarezza ed imparzialità, no ad associazioni di serie A e serie B'

3' di lettura 24/06/2019 -

Torna all’attenzione del dibattito politico la questione dell’utilizzo dei locali della ex palazzina ASL di proprietà del Comune in uso al Centro Sociale TNT.

“Bene ha fatto il Consigliere Giampaoletti a portare in Aula l’argomento con un’interpellanza. Qualche mese fa ne avevo presentata una piuttosto simile anch’io come M5S Jesi, ma il presidente del Consiglio Comunale Massaccesi non l’ha iscritta all’OdG dell’Consiglio, ritenendola non conforme ai regolamenti comunali. Mi fa piacere che al Consigliere Giampaoletti sia andata “meglio”, ma ho comunque richiesto i dovuti chiarimenti riguardo questa differenza di trattamento”, così la Capogruppo del M5S Jesi Claudia Lancioni.

Nell’ interpellanza del M5S Jesi incredibilmente “ricusata” dal Presidente Massaccesi, si chiedeva:
1) a chi è concesso (ente/i ovvero soggetto giuridico) l’uso dell’immobile con quale tipologia di atto/atti e quali sono gli estremi necessari per l’identificazione dello/degli stesso/i;
2) se il Comune è a conoscenza di quali attività vengono svolte e chi ne è titolare/responsabile;
3) nello specifico per ogni tipologia di attività svolta che tipo di autorizzazioni sono necessarie, quali di queste vengono concesse dal comune e gli eventuali estremi necessari per l’identificazione;
4) relativamente alle attività di cui sopra quale comunicazioni devono essere inviate/vengono inviate al Comune;
5) che tipo di previsioni concrete ha l’amministrazione in merito alla struttura.

Mi auguro che il Sindaco Bacci dia una risposta chiara ed esaustiva nel prossimo Consiglio anche a queste legittime richieste, assolutamente di interesse di tutti i cittadini, visto che il locale è di proprietà del Comune e che al suo interno mi risulta vengano svolte diverse attività: sportive (palestra), doposcuola, ecc.. Vorrei anche sapere se tali attività vengono svolte a titolo gratuito o a pagamento” – continua la Lancioni – “In data 25/10/2017 il Sindaco, rispondendo ad una interrogazione, ha detto chiaramente che la struttura verrà messa sul mercato. «Se e quando si presenterà l’opportunità dovremo metterla a reddito”, dichiarava allora Bacci, ma nel piano delle alienazioni dei beni immobili 2019-2021 approvato in data 18/12/2018 la palazzina non è ad oggi presente”.

“In altre occasioni, questa Amministrazione non si è fatta scrupoli, emanando i necessari provvedimenti per cacciare fuori associazioni diverse da spazi pubblici regolarmente assegnati. Quindi se il sindaco lo ritiene opportuno, può tranquillamente procedere allo stesso modo, a meno che qualcuno a Piazza Indipendenza pensi che a Jesi ci siano associazioni di seria A e di serie B.”- conclude la pentestellata jesina – “Quella palazzina è una risorsa per la città, al suo interno si può creare un polo per delle associazioni; tutte, non solo quelle che ruotano attorno al circuito del TNT. Basta che l’Amministrazione mantenga le tante esternazioni fatte più volte e proceda rispettando con rigore i principi di imparzialità, trasparenza ed economicità previsti chiaramente dalla legge”.






Questo è un articolo pubblicato il 24-06-2019 alle 12:41 sul giornale del 25 giugno 2019 - 503 letture

In questo articolo si parla di Movimento 5 Stelle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8UL