contatori statistiche

Jesi in Rima: anziani dal dottore

1' di lettura 31/08/2019 - Un divertente dialogo tra un anziano paziente e il suo medico. Buona lettura con Marinella!

DOTTORE quanno fo' l'amore io sento i fischi...

dice che sarà grave, m'ho da proccupa'?

"Que vòle senti' l'applausi, c'ha na' certa età,

gna' pure pijasseli a ottant'anni certi rischi!

Spero che non se metta a fa'i nummeretti,

è trent'anni che la conoscio, lei è 'n temerario,

non je digo de recida' l'acini de lo Rosario

sci' je pija i calori vada a spasso pe' tetti!"

So che fa' be' pel còre e la circolazzio'

e tutte le domennighe vo' pure a balla',

avesse da vede come le so' stragina'

quele vedovelle che riscode la pensio'!

E' lora che me cerca e me se mette attorno

co' le gonne de pizzo piene de spacchi,

le scollature larghe, le scarpe coi tacchi

e me le spupazzo finanta non fa giorno.

Dopo me capisce ce pòle scappa' l'incontro

'tete a tete' de genere sessuale

digo la verida' non m'ha fatto mai male

sci' pe' le sorte mèjo me vo' a mmazza'!

"Ma lei ha mai pensato che ci sono valori

e interessi che vanno oltre il piano materiale

nutra lo spirito e la parte razionale

legga qualche libro, coltivi i pomodori..."

E io avria da suda' sopra i pummidori?

M'ha bastado l'orto c'ho tenudo vent'anni

me so' pijado tanti de quei malanni,

sa quant'è mèjo a muri' da peccatori!






Questo è un articolo pubblicato il 31-08-2019 alle 08:42 sul giornale del 02 settembre 2019 - 2607 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/a00F





logoEV