Fermo: L' FDI ripropone la via del contratto istituzionale di sviluppo per la realizzazione della Mare Monti Porto Sant'Elpidio-Amandola

2' di lettura 20/09/2019 - Sull'apertura al contratto istituzionale di svuiluppo fatta dal Presidente Conte nel corso della sua visita nelle zone del cratere, l'FDI si rende disponibile per attivare le procedure affinché l’infrastruttura Mare-Monti venga inserita all’interno del CIS e diventi finalmente non un sogna ma realtà

l Presidente del Consiglio Conte nel corso della sua visita alle aree colpite dal sisma ha fatto un’apertura al Contratto Istituzionale per l’area del cratere per rilanciare il sistema economico e sociale dei territori così gravemente colpiti da una catastrofe naturale e provati duramente da uno spopolamento preesistente, infrastrutture inadeguate (dichiarazioni dei deputati M5S Terzoni e Lorenzoni).

Il Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) è lo strumento per accelerare la realizzazione di progetti strategici tra loro connessi e di valorizzazione dei territori. Rientrano in tale ambito i progetti di infrastrutturazione, sviluppo economico, produttivo e imprenditoriale, turismo, cultura, ecc. “Con i CIS le risorse sono concentrate per la realizzazione di una grande infrastruttura a valenza nazionale o interregionale…. verso una logica per macro-aree”. Da anni sentiamo parlare della infrastruttura viaria denominata “Mare-Monti” che collega la costa fermana (casello autostradale Porto Sant’Elpidio) con i Monti Sibillini (Amandola) e si interconnette con la pedemontana che ci collega da una parte con l’Umbria e dall’altra con l’Abruzzo e il Lazio. Il Cosif aveva elaborato d’intesa con il Comune di Fermo (allora Sindaco Di Ruscio) lo studio di fattibilità e il progetto preliminare con i fondi del PRUSST, programma portato avanti dalla precedente amministrazione.

Trattandosi dei territori del Cratere si potrebbe ipotizzare l’inserimento del tronco che va da Magliano di Tenna-Montegiorgio fino Amandola-Montefortino. D’altronde è l’unica Provincia delle Marche a non avere una via decente di collegamento con la zona montana e anche indirettamente con la Capitale. La delegazione comunale di FDI si rende disponibile a supportare, unitamente anche alle altre forze politiche eventualmente interessate, i Sindaci dei comuni del fermano posti all’interno del cratere per attivare le procedure affinché l’infrastruttura Mare-Monti venga inserita all’interno del CIS e diventi finalmente non un sogna ma realtà.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-09-2019 alle 00:26 sul giornale del 21 settembre 2019 - 462 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baNA





logoEV