Quantcast

Fiere, Giampaoletti (Lega): "Finalmente risultati, ma perché non prima?"

3' di lettura 30/09/2019 - L’evento delle fiere di San Settimio è il più grande per la citta di Jesi in quanto occupa un periodo molto lungo che parte dalla festa del patrono fino ai tre giorni di espositori che popolano molte zone del centro di Jesi.

L’evento delle fiere di San Settimio è il più grande per la città di Jesi in quanto occupa un periodo molto lungo che parte dalla festa del patrono fino ai tre giorni di espositori che popolano molte zone del centro di Jesi. Negli ultimi due anni si è vista una diminuzione degli abusivi che invadono alcune vie che precedentemente appena notavano le forze dell’ordine scappavano via togliendo tutta la merce mettendo anche in difficoltà i visitatori.
Questo era quello che volevo fare dal 2013 quando ho ricevuto la delega (onorato di averla e cercato di fare il massimo per risolvere tutte situazioni critiche) per seguire questo grande evento chiedendo a gran voce che si doveva costituire un tavolo con tutte le forze dell'ordine presenti nella zona e non solo in modo da contrastare da subito il fenomeno dell’abusivismo. Si, ci sono stati incontri ma non si è trovato una soluzione visto che fino al 2017 la situazione non è cambiata. Ora, quello che avevo sempre richiesto e suggerito è stato messo in atto, come si suol dire meglio tardi che mai. Sorge spontanea una riflessione, è cambiato sicuramente qualcosa dal punto di vista della Polizia Locale al vertice con una maggior presenza e controllo, ma dal punto di vista dell’Assessorato invece nulla visto che è un una delega del Sindaco.

Proprio per questo non si capisce perché adesso SI e prima NO.

Molto bene e necessario il potenziamento delle forze dell’ordine con un'unita mobile e agenti in borghese. Nei comunicati di questi giorni non si fa altro che dire che le fiere sono andate bene ecc., ma nessuno ha fatto notare che anche in questa edizione sono mancati degli ambulanti e lo si è potuto vedere da Piazza Federico II, da alcuni stalli vuoti in Piazza della Repubblica e Corso Matteotti e infine anche Piazzale San Savino, Zona Porta valle e Piazza Baccio Pontelli. Questo fa pensare che nonostante il grande numero di espositori ci sono problemi che vanno risolti in questa fiera, forse il costo è troppo alto? Una domanda sicuramente da prendere in considerazione anche perché a livello nazionale sono aumentati gli ambulanti visto che molte attività in sede fissa chiudono per troppe spese e si affidano ai mercati.

Un ultimo aspetto se si vuole analizzare al meglio l’evento è il traffico che con le scelte attuate seguendo il decreto, bloccando alcune strade, si sono venuti a creare problemi con i residenti delle zone interessante. Andrebbe rivista specialmente zona San Giuseppe, Via xxv maggio e Via Setificio.Si potrebbero portare delle piccole variazioni che risolvono comunque il problema magari spostando le chiusure dei varchi e anche alcuni espositori. Sicuramente un plauso va alla Polizia Locale visto che tutte le unità sono state utilizzare anche con controlli di licenze e prodotti esposti. Questo è stato permesso in quanto quest’anno non si è visto il problema degli abusivi quindi hanno eseguito il loro compito dal punto di vista amministrativa che negli anni precedenti purtroppo si poteva fare ben poco.

Un ringraziamento anche a tutte le altre forze dell’ordine e associazioni che hanno collaborato a rendere il tutto più sicuro: Carabinieri, Finanza, Croce Rossa, Protezione Civile, Carabinieri in congedo…


da Marco Giampaoletti
consigliere comunale Lega





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-09-2019 alle 11:10 sul giornale del 01 ottobre 2019 - 1593 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ba8y