ZTL, più agevolazioni per residenti e commercianti

2' di lettura 14/10/2019 -

Le disposizioni, approvate dal Consiglio comunale, entrano ufficialmente in vigore con questo mese di ottobre.

Vediamo, in sintesi, quali sono e cosa prevedono. Innanzitutto le autorizzazioni per i residenti non sono più a tempo, ma vengono estese fino a quando permane la residenza. Dunque, niente più file all’Anagrafe per rinnovare i permessi.

Diventano a scadenza quadriennale, invece, le scadenze biennali legate a particolari tipologie di autorizzazioni, a meno che non sia diversamente previsto nel contratto di locazione che dà diritto all’autorizzazione stessa.

È inoltre consentito l’accesso a tutti gli ingressi delle Zone a traffico limitate e dunque non solo a quella specifica per una serie di autorizzazioni: permessi brevi, lavori da parte di artigiani o ditte che hanno da svolgere interventi per oltre 7 giorni, operatori televisivi, carico e scarico di attività commerciali che operano all’interno della zona a traffico limitata e operazione breve di carico/scarico da parte di privati cittadini (per un periodo massimo di 12 ore con sosta consentita fino a 3 ore con esposizione di disco orario).

Altra novità riguardano le autorizzazioni per una serie di categorie: taxi, noleggio, vigilanza, ambulanti, carico e scarico di servizi di postalizzazione, asssociazioni umanitarie. Tali autorizzazioni non saranno più gestite dall’Ufficio Anagrafe, ma direttamente dalla Polizia Locale.

Proseguendo con le ulteriori modifiche, c’è da segnalare che il permesso breve per visite mediche non è più di mezzora ma fino a 4 ore per il transito, con sosta massima di 30 minuti esponendo il disco orario.

Le autorizzazioni per la sosta in Zona Blu da parte dei residenti restano valide fino a che permane la residenza stessa, mentre per i dimoranti hanno durata quadriennale, fermo restando la scadenza legata al contratto di locazione. Anche le autorizzazioni a Zone a disco orario per i residenti restano sempre valide fino a che permane la residenza.

Stesso discorso per le autorizzazioni alle Zone interdette per i residenti fino a che permane la residenza. Viceversa per i dimoranti e i possessori di magazzini, la scadenza diventa quadriennale, fermo restando quanto previsto dal contratto di locazione.

Per il residente in Zona a traffico limitato che ospita un parente, l’autorizzazione per il parente può essere rilasciata per un periodo non superiore a tre mesi nell’arco dell’anno e consentono il solo transito. La sosta è consentita per un massimo di un’ora con esposizione del disco orario.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2019 alle 10:29 sul giornale del 03 ottobre 2019 - 113 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Comune di Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbCC





logoEV