Quantcast

Basket: Una grande Aurora conquista il derby con Civitanova

3' di lettura 27/10/2019 - Dopo la tonificante vittoria di Rimini in casa Aurora serviva un’altra prestazione convincente. Certo, l'avversaria di oggi, quel Civitanova che saliva a Jesi con 4 vittorie e 1 sola sconfitta, non era un’avversaria facile.

Forte della coppia inossidabile dei fratelli Amoroso, 41 anni Francesco, 39 Valerio, con l’ex Alessandri in regia, oltre a giocatori interessanti come Masciarelli, uno dei giocatori trattati dall’Aurora durante l’estate, Felicioni e Vallasciani, la Virtus Civitanova saliva a Jesi per confermare il suo ottimo inizio.

La squadra di Domizioli è riuscita a rendere difficile il match ai padroni di casa, soltanto a inizio primo quarto, poi l’Aurora, con un Casagrande ai massimi livelli, si è espressa quanto meglio avrebbe potuto, con una grande prestazione di squadra, alla fine ben 22 assist distribuiti, con 5 giocatori in doppia cifra.

Eppure non sono mancati i problemi: innanzitutto Valli ha dovuto fare a meno dal play di scorta Giacchè, ancora non recuperato, costringendo agli straordinari Bottioni, uscito anzitempo alle prese con i crampi, proprio nel giorno del suo compleanno (auguri!). Per non parlare di Pederzini, costretto in panchina, per un risentimento, in campo per poco più di 18’.

L’assenza di un play di ruolo, nella seconda parte del match, ha creato non pochi problemi e si è rivelata una opportunità ben gestita dal coach ospite Domizioli, che ha messo il longilineo Masciarelli, un'apertura di braccia impressionante, a difendere, prima su Magrini, poi su Giampieri, quando avevano l’incarico di portare palla.

Ma l’Aurora di stasera non poteva perdere un match che ha interpretato con grande energia e determinazione: come detto il volano è stato capitan Casagrande, ma tutti hanno mostrato unghie e denti. Ottima la difesa sui due Amoroso brothers, che sulla linea di fondo non hanno avuto quegli spazi sui quali normalmente possono contare, lasciando qualche tiro da tre aperto, che non si è però rivelato determinante.

Peccato non aver mantenuto un vantaggio maggiore alla sirena, dopo un +21 che lasciava presagire un margine più ampio, ma intanto era importante vincere, confermare le buone cose di Rimini, prepararsi psicologicamente al meglio per la trasferta di Faenza, sicuramente difficile come tutte le altre, ma sicuramente abbordabile.

Con una classifica che stasera dice -2 dalla vetta.

Deprecabile la “uscita di testa” finale di Valerio Amoroso, che, dopo aver commesso fallo su Magrini, con i suoi a -10, si è fatto fischiare un fallo tecnico e quindi la quinta penalità che, sommata al precedente antisportivo, non gli hanno permesso neanche di seguire la partita dalla panchina, in quanto espulso.

Prima di uscire dal parquet se l’è presa con Magrini, con qualche spettatore, perfino con lo speaker del palasport: una uscita di scena che ha del clamoroso.

E ci dispiace per i fischi del pubblico, che da avversario lo ha sempre accolto con gli applausi. Per lui una brutta serata della quale avrebbe dovuto fare a meno.

AURORA JESI-ROSSELLA CIVITANOVA 84-71 (16-8; 23-10; 22-19; 23-25)

Aurora Jesi: Bottioni 10 (3/6, 0/1), Pederzini 5 (2/5, 0/0), Lovisotto 14 (6/9, 0/0), Casagrande 16 (6/8, 1/1), Magrini 17 (2/3, 2/5), Mentonelli ne, Kouyate ne, Konteh ne, Micevic 6 (3/6, 0/0), Montanari ne, Migliori 4 (2/5, 0/2), Giampieri 12 (3/3, 2/4). All.: Valli

Tiri liberi 15/19. Rimbalzi35, 3+32 (Casagrande 9), Assist 22 (Bottioni, Magrini 6).

Rossella Civitanova: Masciarelli 29 (7/14, 4/6), Alessandri 10 (4/5, 0/4), Felicioni 3 (0/2, 1/4), Vallasciani (0/2, 0/1), Valerio Amoroso 13 (3/8, 2/7), Bagalini (0/0, 0/0), Pierini 7 (2/2, 1/1), Francesco Amoroso 5 (1/3, 1/2), Cimini ne, Rocchi (0/1, 0/3), Trapani 4 (0/0, 1/4). All.: Domizioli.

Tiri liberi 7/9. Rimbalzi 40, 11+29 (Valerio Amoroso 13), Assist 13 (F.Amoroso, V.Amoroso e Masciarelli 3).

Arbitri: Fiore di Giffoni (Sa) e Manco di S.Giorgio Cremano (Na)

Spettatori: 1.107






Questo è un articolo pubblicato il 27-10-2019 alle 20:59 sul giornale del 28 ottobre 2019 - 2381 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo, giancarlo esposto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bb9R





logoEV