Quantcast

Chiaravalle: al via la rassegna "Un filosofo al cinema"

2' di lettura 26/11/2019 - Dal 5 al 18 dicembre la quinta edizione della rassegna, dedicata al tema del controllo sociale.

Dal 5 al 18 dicembre, alle ore 21 e con ingresso gratuito, il Teatro Comunale di Chiaravalle torna ad ospitare la rassegna “Un filosofo al cinema”, giunta alla quinta edizione e rientrante nella programmazione comunale 2019-20 “Città di radici e di ali”. “Dopo il tema libero delle prime due edizioni, il concetto della cura (im)possibile sotteso alla terza e i princìpi della comunicazione non ostile sullo sfondo della quarta – spiega l’assessore alla cultura Francesco Favi, promotore dell’iniziativa – quest’anno svilupperemo un altro filo conduttore destinato a lasciare un segno: il controllo sociale. Qualcosa che, dai regimi totalitari del Novecento alle società tecnologiche del presente e del futuro, ha cambiato pelle senza perdere la sua natura insidiosa. L’attuale riaffiorare di populismi e sovranismi è solo la punta dell’iceberg, così come lo scivolare di varie nazioni in Europa e nel mondo verso forme di ‘democrazia illiberale’ ci dice molto senza dirci tutto”.

Si inizia giovedì 5 dicembre con “Le vite degli altri” a cura di Alessandro Cupido: il film, incentrato sui soffocanti mezzi di sicurezza e spionaggio nella Berlino Est degli anni ’80 e sulla ribellione ‘in parallelo’ di un drammaturgo e di un capitano della Stasi, ha ricevuto nel 2008 l’Oscar come miglior film straniero. Si prosegue mercoledì 11 con “L’onda”, presentato da Federica Migliorelli: al centro dell’opera c’è l’esperimento di un insegnante tedesco che, di fronte allo scetticismo dei suoi allievi circa un possibile ritorno del nazismo, crea nella classe una realtà autocratica per dimostrare come nasce un regime. Mercoledì 18 sarà infine la volta di “The Lobster” a cura di Marco Caporalini: sorta di orwelliana fattoria degli animali calata in un futuro distopico, nel quale ogni persona single sarà costretta – pena la trasformazione in un animale – a trovare un partner.

“Come accaduto nelle precedenti e sempre molto partecipate edizioni – riprende l’assessore Favi – anche stavolta tre studiosi e insegnanti ci permetteranno di leggere in chiave filosofica altrettante opere audiovisive. Ma mai come stavolta il sottotitolo della rassegna, ‘Quando i film aiutano a pensare’, esprime anche la speranza che iniziative come questa ci stimolino a tenere gli occhi ben spalancati, attraverso l’esercizio di una cittadinanza attiva e consapevole”.

Info: Servizio Politiche Giovanili (071 9499295) - Teatro Comunale (071 7451020).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2019 alle 10:04 sul giornale del 27 novembre 2019 - 1677 letture

In questo articolo si parla di chiaravalle, spettacoli, Comune di Chiaravalle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bdhE





logoEV