Abbattimento gattile, Lucaboni: "Ma quale fakenews, il comune confonde"

1' di lettura 05/12/2019 - Lunedì è tutto pronto per abbattere le prime casette in cemento dove i gatti della signora Antonietta si riparano dal freddo.

Il privato ha vinto la causa per quanto riguarda il terreno di sua proprietà e quindi via i gatti.

Ora se in termini di legge nulla si può eccepire al proprietario del terreno molto si può dire ad Asur e Comune.L'amministrazione se ne è uscita in modo infelice parlando della struttura, il gattile sanitario, che nessuno tra l'altro sta mettendo in discussione, e cominciando a blaterare di fake news, quando invece avrebbe dovuto da tempo ragionare su dove andare a sistemare questi 80 gatti, feriti malati che vanno aiutati. Un aiuto che doveva però arrivare tempo fa visto che le possibilità di perdere questa causa erano evidenti. Invece niente.

Si blatera al vento e lunedì inizieranno i lavori. Unica speranza al momento affidarsi al buon cuore del proprietario della terra di aspettare affinché le colpevoli istituzioni cerchino subito una soluzione.


da Massimiliano Lucaboni
Libera azione Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2019 alle 21:42 sul giornale del 06 dicembre 2019 - 2711 letture

In questo articolo si parla di attualità, Massimiliano Lucaboni, libera azione jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bdIg





logoEV