“Bestiario”, dall'11 al 17 febbraio una mostra di pittura

3' di lettura 09/02/2020 - A Palazzo dei Convegni le opere di Laura Cicconofri, Silvia Forlai e Massimo Melchiorri.

Le opere dei tre artisti hanno come tema comune il “Bestiario” inteso ed interpretato in un senso ampio ed originale, distillato e filtrato attraverso le diverse sensibilità dei tre pittori.

Le opere pittoriche dei tre artisti spazieranno, nell’interpretazione, dalla sacralità dell’animale a richiami spirituali e magici di spunto medievale fino ad arrivare ad ossessioni e suggestive visioni individuali. Il vernissage avverrà Sabato 15 Febbraio alle ORE 18. Dall' 11 al 17 Febbraio 2020 rimarrà aperta al pubblico presso il Palazzo dei Congressi, Corso Giacomo Matteotti n. 199 a Jesi (Ancona).

L'orario di apertura è il seguente: Mercoledì 12, Sabato 15, Domenica 16 Febbraio ore 10:00-13:00 e 17:00-20:00. Gli altri giorni dalle ore 17:00 alle ore 20:00.

La mostra sarà riproposta nel corso del 2020 anche in altre sedi del territorio nazionale.

Biografie

Laura Cicconofri vive e lavora a Macerata, Marche, Italia. Ha frequentato l'Istituto Agrario e la Facoltà di Scienze Naturali di Camerino, ma anche Corsi di Formazione pittorico-artigianale e di Restauro di opere d'Arte. Attualmente lavora come Libero professionista nel campo delle Arti Applicate e della Conservazione dei Beni Culturali. Ama il lavoro artigianale, il legno e i tessuti, come le piante e gli animali di ogni specie e forma.

Silvia Forlai vive e lavora tra Lazio, Toscana e Marche. Si diploma al Liceo Artistico e poi si laurea con lode in Scenografia e Costume all’Accademia di Belle Arti di Roma. Ha lavorato in cinema, teatro e televisione ed in seguito nella computer grafica come illustratrice, a Roma e Lucca. All’Accademia di Belle Arti di Macerata, approfondisce la tecnica ad olio e la doratura su tavola. Si occupa di pittura, di decorazione di interni ed artigianato artistico, di corsi di formazione di disegno e pittura per adulti e bambini. Ha partecipato a diverse esposizioni di pittura, personali e collettive. E’ appassionata di simbologia, iconografia, storia del giardino, dei primitivi e del medioevo, che interpreta in chiave moderna come purezza della natura, timore per il suo mistero, divino in ogni cosa. Promuove e riscopre il senso profondo delle cose, una rivalutazione dei simboli per ripercepire i significati e la fantasia, per ridare un’anima alle facciate ed agli involucri, stimolando l'osservazione e la scoperta, propugnando l'amore per il pianeta, l'ecosistema, la parità' di genere.

Massimo Melchiorri vive e lavora a Cerreto d’Esi (AN). Insegna Educazione artistica e Didattica speciale presso la Scuola media di Cerreto d’Esi e tiene corsi di pittura per adulti, dipinge e disegna. Si è diplomato all'Istituto d'Arte di Macerata in Oreficeria, ed all' Accademia di Belle Arti di Macerata in Decorazione. Ha seguito un corso con lo scultore Arnaldo Pomodoro e rimane colpito dal suo linguaggio grafipittorico rimanendo però nella figurazione e nella forma. Si è formato artisticamente studiando artisti come Giotto, Tiziano, Caravaggio,Tiepolo, Monet, Turner, William Blake, Otto Dix, F. Bacon e J.Pollok. Crede che l’arte abbia una funzione sociale e che entri quotidianamente nella vita dell’Uomo. Il suo soggetto preferito è il corpo umano, e il ritratto ma dipinge anche il paesaggio e la natura morta. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive in Italia, ha realizzato murales sulle pareti esterne ed interne di numerosi edifici pubblici e privati, ha operato come artista di body painting su modelli in svariate manifestazioni.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-02-2020 alle 08:16 sul giornale del 10 febbraio 2020 - 637 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bf41