Ancona: traffico illegale di rifiuti verso l'Albania, maxi sequestro al porto

1' di lettura 24/02/2020 - Oltre 25 tonnellate di rifiuti Raee (apparecchiature elettriche ed elettroniche) illegali, pronte per essere inviate in Albania, sono state bloccate e sequestrate al porto di Ancona dal personale dell'Agenzia delle Dogane e dai Carabinieri del Noe. Denunciate quattro persone

I sequestri sono stati eseguiti in due momenti diversi nel mese di febbraio, nell'ambito dei frequenti controlli sui rifiuti e sulle merci in esportazione. Il primo caso riguarda il carico sospetto di un semirimorchio, controllato il 4 febbraio, contenente apparecchiature elettriche prive della prevista documentazione e quindi classificabili come Raee anche pericolosi.

I rifiuti in questione erano costituiti da una cabina per impianto di climatizzazione industriale con relativo motore, trasformatori di corrente industriale, ventole di areazione, termoconvettori e altri rifiuti elettrici. Il carico era pronto per essere imbarcato alla volta dell'Albania. Al termine dei controlli è stato denunciato una persona responsabile della gestione non autorizzata di rifiuti speciali pericolosi e non.

Analogamente, il 14 febbraio è stato sequestrato un autoarticolato pieno di lavatrici e forni fuori uso, tutti rifiuti privi delle previste certificazioni di funzionalità e della documentazione attestante la provenienza. Anche in questo caso il carico era destinato all'Albania. I carabinieri del Noe hanno denunciato tre soggetti per traffico illecito di rifiuti speciali transfrontalieri e gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi.






Questo è un articolo pubblicato il 24-02-2020 alle 15:54 sul giornale del 25 febbraio 2020 - 1050 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, porto di ancona, traffico illecito di rifiuti, marco vitaloni, articolo, raee

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgGP





logoEV