A14, Confartigianato: "Inutile investire per promuovere la Regione, se poi chi viene trova questi disagi"

autostrada 2' di lettura 03/07/2020 - “Il problema degli ingorghi sulla A14 sta andando avanti da troppo tempo, – afferma il Presidente di Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli Piceno-Fermo, Renzo Leonori – quest’anno entriamo nella terza stagione estiva consecutiva affrontando gli stessi, ormai intollerabili, problemi.

Dopo il terremoto del 2016 e il lockdown causato dalla pandemia da Coronavirus, il danno, d’immagine ed economico, è devastante. D’immagine poiché per il turismo non è certamente un bel biglietto da visita, economico poiché i trasporti subiscono un rallentamento tale a volte da non poter rispettare in tempo le consegne con tutti i risvolti negativi del caso.

Occorre che il Ministero dei Trasporti approvi i progetti presentati dalla Società Autostrade per avere almeno le due corsie, anche ridotte, in entrambi le carreggiate. E’ necessario alleggerire il traffico e renderlo più scorrevole nel tratto Grottammare-Porto San Giorgio, così come è stato fatto in precedenza per situazioni analoghe.

Si parla spesso del miglioramento delle infrastrutture, del potenziamento della rete ma è evidente che ancora siamo in uno stato di totale emergenza e la situazione è diventata insostenibile per tutti, imprese e cittadini”.

“Non possiamo più tollerare ritardi e disservizi in questo tratto autostradale, di vitale importanza per la nostra economia locale e in particolare per il turismo nel pieno della sua stagione e che tra l’altro, è un passaggio obbligato per raggiungere tutta la nostra Regione Marche – ha aggiunto Emanuele Pepa, Presidente interprovinciale di Confartigianato Trasporti. E’ inutile investire risorse in promozione e pubblicità per la nostra bella Regione, se poi chi viene nelle Marche trova questi disagi.

Mi auguro che quanto comunicato dalla Società Autostrade in merito al dissequestro dei viadotti e la realizzazione delle due corsie ridotte, venga rispettato. Da troppo tempo – conclude Pepa – chiediamo massima celerità nello svolgimento dei lavori in questo tratto autostradale, ma nessuno sembra tenere conto che a risentire di questi ritardi sono lavoratori, autotrasportatori, imprese e turisti costretti a fare i conti con ordinanze, lungaggini, pericoli, tempi di percorrenza vergognosi e un pedaggio che ancora oggi deve essere sospeso”.


da Confartigianato Imprese
Macerata - Ascoli Piceno - Fermo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-07-2020 alle 15:40 sul giornale del 04 luglio 2020 - 223 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, fermo, ascoli piceno, san benedetto, ascoli, confartigianato imprese, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bpKl





logoEV