Sanità, Baldelli (vice presidente Anci):“Verifica Anac, Regione sospenda la pratica del project financing a un mese dalle elezioni”

3' di lettura 07/08/2020 - “La Regione sospenda, in autotutela, il procedimento per il project financing di Marche Nord finché non saranno chiariti gli interrogativi posti in questi giorni e vagliati nel procedimento di vigilanza avviato dall’Anac."

"Ma soprattutto la regione sospenda l’indizione della gara poiché si è a poco più di un mese dalle elezioni regionali ed è politicamente scorretto vincolare la futura maggioranza e il futuro assessore alla sanità marchigiano ingessando, per i prossimi trent’anni, i bilanci della regione Marche e la sua iniziativa politica con un colpo di coda della morente giunta regionale che è funzionale a lobby del settore”.

A richiederlo è Francesco Baldelli, vice presidente nazionale Anci ed esponente di spicco di Fratelli d’Italia, che ritiene la sospensione un atto indispensabile per tutelare la Regione ma anche tutti i portatori d’interesse, compresi i privati coinvolti. “Il progetto di finanza sia lasciato in stand by finché non sarà fatta totale chiarezza sulle incongruità emerse nella procedura seguita dalla Regione per la progettazione, realizzazione e costruzione dell’opera" ribadisce Baldelli. "Tra l’altro, qualora il procedimento fin qui svolto dovesse risultare viziato da irregolarità ab origine una eventuale prosecuzione della pratica metterebbe a rischio gli interessi di bilancio e finanziari della Regione, che potrebbe ritrovarsi obbligata a pagare risarcimenti, con conseguente danno erariale”.

Le ipotesi di illegittimità emerse, e sulle quali l’Anac ha aperto un procedimento di vigilanza, riguardano i tempi di valutazione da parte della Regione della fattibilità della proposta di progetto di finanza presentata dalle imprese, valutazione da definire per legge entro tre mesi e che invece è arrivata dopo dieci mesi. Altro vulnus del procedimento è rappresentato dalla presenza dell’opera negli strumenti di programmazione sanitaria. Tale previsione, secondo il codice degli appalti in vigore all’avvio della pratica, impedisce l'opzione del project financing di iniziativa privata per la realizzazione dell'ospedale unico provinciale.

Sospetta è, invece l'introduzione, in questi giorni, di una norma nel decreto legge Semplificazioni che sanerebbe questo secondo elemento di illegittimità del procedimento: “Un tentativo di modificare le norme in corsa da parte del governo Conte, e della sua maggioranza Pd e M5S, che con una furbizia potrebbe sanare i gravi errori condotti da Ceriscioli e dalla giunta regionale”, sostiene l’esponente di Fdi. “L’attuale ospedale di Pesaro ha evidenti vincoli strutturali ed è quindi chiaro a chiunque che serva un potenziamento della struttura del capoluogo o una nuova struttura dopo aver compiuto una attenta analisi costi/benefici che la Regione ha sempre evitato. Ma come ha già dimostrato la gestione dell'emergenza Covid19, questo ospedale non può essere unico provinciale, perché, se così fosse, si priverebbero del diritto alla sanità tutti i cittadini, non solo dell’entroterra, privati dei propri nosocomi, ma anche della costa, sul cui ospedale, dopo lo smantellamento di Fano, convergerebbero tutti gli abitanti della provincia, con conseguente intasamento. Secondo per questo obiettivo devono essere scelte le procedure più semplici e trasparenti possibili, mentre quella preferita ora è la strada più complicata e dubbia. Ed emergono anche palesi contraddizioni – prosegue Baldelli – E’ infatti notizia recente che il ministero della Sanità sta valutando di assegnare 55 milioni al nuovo polo ospedaliero, questo significa che sono possibili strade diverse rispetto al finanziamento privato dell’opera che esperienze in altre parti d’Italia hanno dimostrato essere eccessivamente onerose per le finanze pubbliche”.


da Francesco Baldelli
Vice Pres. Anci





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-08-2020 alle 16:54 sul giornale del 08 agosto 2020 - 184 letture

In questo articolo si parla di politica, anci, francesco baldelli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bsRX





logoEV