x

SEI IN > VIVERE JESI >

Canafoglia: "Come può un territorio aver una vocazione turistica se non funziona il suo unico Aeroporto?"

2' di lettura
519

da Corrado Canafoglia
Candidato consigliere regionale nella lista “Civitas Civici”


Oggi ho accompagnato il candidato Governatore Francesco Acquaroli nell’incontro con l’amministratore delegato ed alcuni dipendenti di Aerdorica spa, società che gestisce l’Aeroporto delle Marche.

La situazione dell’Aeroporto è estremamente delicata, poiché dopo aver passato un concordato preventivo la Regione ha ceduto la quasi totalità delle quote della società gestrice al fondo di investimento inglese Njord Partners.

Di recente la Procura della Repubblica ha avviato un’indagine penale che coinvolge le ultime 4 Giunte regionali, nonché vari funzionari regionali per approfondire la destinazione di oltre 100 milioni di euro pubblici, che pur versati non sono serviti a risollevare le sorti del nostro Aeroporto.

Il Covid ha sicuramente aggravato la situazione, tuttavia non si può tacere sugli effetti negativi che lo stato di tale importante infrastruttura ha avuto sul tessuto imprenditoriale, soprattutto turistico della nostra Regione durante le passate gestioni.

Come può pensare un territorio di aver una vocazione turistica se non funziona a pieno regime il suo unico Aeroporto?

Come può esser tollerato un così grave sperpero di denaro che ha costretto la Procura ad indagare ?

Come si può tacere rispetto alla necessità di cambiamento invocata dal partito che sino ad oggi ha gestito la Regione e l’aeroporto di Falconara ?

Non vanno poi dimenticati i tanti dipendenti che per anni hanno subito tagli salariali , dichiarati illegittimi dal Tribunale del lavoro, e nonostante ciò molti di loro oggi vedono il forte rischio di perdere il proprio lavoro.

Occorre un vero cambio di passo nei rapporti Regione – Aerdorica , occorre un progetto globale che coinvolga non solo quell’infrastruttura , ma anche tutte le altre ad essa funzionale e le imprese marchigiane, soprattutto quelle turistiche per aggredire il mercato, così da far arrivare turisti da fuori regione e possibilmente dall’estero.

Per far ciò occorre un vero cambiamento che non può essere lasciato a chi ha governato la Regione Marche sino ad oggi.

Un Aeroporto che funziona produce ricchezza ed occupazione per tutto il territorio.



Questo è un articolo pubblicato il 02-09-2020 alle 19:58 sul giornale del 03 settembre 2020 - 519 letture