Quantcast

Polveri sottili, sforamenti a Jesi e Chiaravalle

1' di lettura 12/11/2020 - L'Arpam ha reso noto i dati sull'inquinamento ambientale della scorsa settimana che mostrano numerosi sforamenti dei limiti di PM10 nell'Anconetano, in particolare nella zona della centralina di Ancona-Stazione. Sforamenti anche a Falconara, Chiaravalle e Jesi

Da qualche giorno nella regione Marche, in particolare nella zona di Ancona, si è instaurato un regime metereologico critico per la diluizione dell'inquinamento atmosferico, caratterizzato da velocità del vento quasi nulla, alto tenore di umidità e nebbia.

Tale situazione ha determinato per cinque giorni consecutivi il superamento del limite consentito di PM10 (50 µg/m3) rilevato dalle centraline fisse ARPAM, a partire da quella di Ancona Stazione, dal 7 all'11 novembre; in quest'ultima giornata i superamenti rilevati sono stati 8, di cui 5 nel territorio di Ancona e provincia, 2 in quello di Ascoli Piceno e 1 in quello della provincia di Pesaro. ARPAM è in sollecito contatto con le autorità locali interessate, per informazione e supporto in merito ai provvedimenti del caso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-11-2020 alle 15:29 sul giornale del 13 novembre 2020 - 284 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polveri sottili, Arpam Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bBKA