Quantcast

Il ruolo delle farmacie della Vallesina

3' di lettura 16/12/2020 - I farmacisti della Vallesina ampliano continuamente i servizi offerti ai cittadini perché vogliono far si che tutti coloro che entrano in farmacia si sentano più sicuri nel controllo dello stato di salute.

Da questa premessa la dottoressa Cecilia Possenti, componente del direttivo di Federfarma Marche e titolare della farmacia di Angeli di Rosora , prende spunto per dire “ la farmacia di comunità svolge una preziosa funzione a fianco dei cittadini anche suggerendo percorsi di cura ben delineati a seconda delle effettive esigenze e delle prescrizioni del medico di medicina generale”.

“In un momento in cui anche le strutture marchigiane si preparano a sperimentare la farmacia dei servizi - conferma la dottoressa Possenti - i professionisti in camice bianco aderenti a Federfarma si rivolgono ogni giorno al cittadino per consolidare uno storico rapporto di fiducia che, nel drammatico periodo del Covid , si è ulteriormente qualificato “.

“Abbiamo affrontato – infatti sottolinea - un momento molto difficile ma proprio in queste drammatiche giornate i cittadini si sono resi conto che capillarità e professionalità del farmacista di fiducia sono valori su cui fare sempre più affidamento”.

Così nelle strutture segnalate dalla grande croce in verde brillante , è possibile , da pochi giorni , effettuare nella massima riservatezza e sicurezza il test sierologico per la ricerca anticorpi Covid - 19 , servizio che si affianca a tutti gli altri già attivi in farmacia per la tutela della salute come autoanalisi, misurazione della pressione, ECG, holter pressorio e, ultimo in ordine di tempo, la possibilità di prenotare ogni prestazione sanitaria accedendo al Centro Unico di prenotazione, oltre ad altri complementari al benessere della persona. Servizi basilari ancora di più quando vengono proposti anche nelle aree interne della regione Marche dove spesso la farmacia ed i professionisti che in essa operano sono l’unico vero riferimento della sanità e delle Istituzioni ; purtroppo infatti nei tanti piccoli centri dell’entroterra solo la farmacia continua ad essere sempre attiva mentre altri soggetti come ad esempio l’ufficio postale o la banca operano, nella ipotesi migliore, in pochi giorni prestabiliti.

Il pensiero di Cecilia Possenti - componente anche del direttivo di Federfarma Ancona - è netto ”nonostante le limitazioni imposte per il contenimento della pandemia, le farmacie non hanno ridotto né orari né servizi, anzi spesso questi sono stati anche ampliati per offrire tutta l’assistenza sanitaria senza la necessità di spostarsi dal proprio luogo di residenza per raggiungere il più vicino presidio ospedaliero”.

La considerazione conclusiva è per segnalare che “ come titolari di farmacia cerchiamo di essere vicini a tutte le persone, soprattutto alle più sole e in difficoltà per l’età, la lingua, la diversità di cultura; persone che nella farmacia vicino casa, si devono sentire ben accolte ed accompagnate a seguire le terapie indicate dal medico curante per difendere e magari anche recuperare il grande bene rappresentato dalla salute ”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-12-2020 alle 22:07 sul giornale del 17 dicembre 2020 - 378 letture

In questo articolo si parla di attualità, Federfarma Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bFYT





logoEV
logoEV