Quantcast

Maiolati Spontini: “D.O.C. = Denominazione di Origine Culturale”

Biblioteca La Fornace di Moie 3' di lettura 20/01/2021 - Dal 28 gennaio parte la rassegna online realizzata da sei Comuni della Vallesina. Si parte con Lattanzi e l’educazione nell’era digitale.

“D.O.C. = Denominazione di Origine Culturale” è il titolo della rassegna promossa da sei Comuni della Vallesina che ha come finalità la valorizzazione del territorio attraverso i suoi autori e le sue espressioni e luoghi della cultura, a partire dalle biblioteche.

A fare da raccordo all’iniziativa, infatti, è la biblioteca La Fornace di Moie. «Si tratta di un progetto a cui lavoriamo da tempo – spiega l’assessora alla Cultura Tiziana Tobaldi – che partirà in modalità online con l’obiettivo di proseguire in presenza. Intanto avviamo un primo ciclo di incontri con i comuni di Maiolati Spontini, Montecarotto, Monte Roberto, Mergo, Staffolo e Sassoferrato, e la collaborazione dell’associazione ATGTP, Teatro Giovani Teatro Pirata. Siamo convinti che creare sinergie e lavorare insieme possa rappresentare una risposta al difficile momento storico che stiamo vivendo.

Gli incontri avranno al centro un autore del territorio, collegato da remoto e presentato da un moderatore che si troverà nella biblioteca o in un luogo della cultura del proprio Comune. Il pubblico potrà seguire la conferenza su una piattaforma online che consentirà anche di intervenire con domande e commenti. Il tutto sarà inframezzato da letture condotte da attori dell’Atgtp. Sarà una modalità interattiva, dinamica e capace sicuramente di interessare e coinvolgere il pubblico.».

A questa prima rassegna d’autore ne seguirà un’altra, che coinvolgerà i luoghi della cultura di Castelplanio, Cupramontana, Serra San Quirico, Rosora, Cerreto d’Esi.

Si inizierà giovedì 28 gennaio, alle ore 21, con un argomento di stringente attualità visto che il libro al centro dell’incontro si intitola: “Non è mai troppo presto… per ripensare l’educazione nell’era digitale”. L’autore è Lorenzo Lattanzi, insegnante, presidente Aiart Marche (Associazione Italiana Ascoltatori Radio e Telespettatori) ed esperto di Media Education. Interverranno il sindaco di Maiolati Spontini Tiziano Consoli e il dirigente dell’Istituto comprensivo "Carlo Urbani" di Moie Vincenzo Moretti. A moderare sarà l’assessora Tobaldi.

La rassegna proseguirà, sempre alle ore 21, a Montecarotto, giovedì 11 febbraio, con Alessandro Pucci che presenterà "La forza dei deboli”. Modererà l’assessora comunale Marta Giovannetti.

Si passerà, quindi, a Monte Roberto, dove, giovedì 25 febbraio, l’insegnante Sabina Geminiani e la giornalista Chiara Cascio illustreranno l’opera postuma di Manuel Rossini: “Ora siamo in due”. I temi sono quelli della vita in bilico e della scoperta del senso e del valore dell’esistenza.

La tappa successiva della rassegna sarà a Mergo, giovedì 11 marzo, con il libro “Questo non è amore. L’amore non uccide” di Sted, ovvero Stefania Lancia. Interverranno il sindaco Luca Possanzini e la bibliotecaria Eleonora Botera, che modererà l’incontro.

L’appuntamento a Staffolo è per giovedì 8 aprile, con una doppia la presentazione: “Vietato dormire (20 racconti per restare svegli)” di Andrea Ansevini e “Destino di sangue” di Sara Marino.

L’ultimo incontro della rassegna è previsto per giovedì 22 aprile, a Sassoferrato. L’autore sarà Renato Ciavola che presenterà il libro “Luoghi, storia e storie di Fabriano”. Modererà l’assessora alla Cultura Lorena Varani.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-01-2021 alle 18:11 sul giornale del 21 gennaio 2021 - 163 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bKnE





logoEV
logoEV