Quantcast

Basket: The Supporter sempre in partita, ma Fabriano ha la meglio nel derby

3' di lettura 21/02/2021 - Quella tra Fabriano e Aurora non è stata una partita impari, tanto meno a senso unico, al contrario la squadra di Ghizzinardi ha avuto il merito di giocarsela il più a lungo possibile, almeno fino a che ha avuto nelle gambe la forza per farlo.

Tutto si è deciso nel quarto finale, quando la squadra di casa ha approfittato di un inizio nel quale The Supporter ha litigato a lungo con il canestro, trovando il primo centro su azione soltanto dopo 5’35”: un lusso che nessuna squadra, di fronte alla leader del girone, potrebbe permettersi.

Nel frattempo la Ristopro era volata sul suo massimo vantaggio, +11 (57-46).

Cinque punti consecutivi di Giampieri e Giacchè (51-57), poi ancora Ferraro (53-59) davano fiato alle speranze della formazione ospite, a quel punto Fabriano chiudeva con canestri facili, una penetrazione di Garri dalla linea di fondo in una situazione di mismatch sulla quale nessuno accorreva in aiuto di Giampieri ed un paio di assist dello stesso Garri, appostato in post basso, sui tagli centrali dei compagni.

Tutto qui? Certamente no, perché in una partita dominata dalle difese sugli attacchi, la squadra di casa ha fatto quel qualcosa in più, che ha spostato la lancetta del match dalla sua parte. The Supporter ha provato a graffiare su ogni pallone e si è visto il massimo impegno da parte di tutti, lo testimoniano le 14 palle recuperate (5 Giacchè, miglior dei suoi), ma quel qualcosa in più della squadra di casa è stato bloccare i tiratori avversari, Magrini e Giampieri, letteralmente asfissiati dalla difesa fabrianese. Idem su Giacché, al quale, dopo aver imperversato nei primi 20’, è stato chiuso ogni varco, trovandosi costretto poi a cerca fortuna solo dall’arco.

Fattore vincente, perché con il solo Quarisa a fare a sportellate contro il munito pacchetto di lunghi locali, The Supporter ha perso gran parte delle sue potenzialità offensive.

Brava comunque la squadra di Ghizzinardi a non arrendersi praticamente mai, uscita dal campo con la consapevolezza di non aver mai abbassato la testa di fronte a una squadra che recentemente era andata pesante contro Roseto e Civitanova.

Partita privata del fascino di un palaGuerrieri affollato, come pure era accaduto all’andata al palaTriccoli, un vero peccato, considerato anche che lo scorso anno le squadre si erano affrontate in una sola occasione.

Il pubblico di Jesi ha dovuto rinunciare a quella che sarebbe stata la trasferta più sentita, ma idealmente era a Fabriano con la squadra: alle 15,30 si sono sentiti distintamente dei cori davanti al palasport, alla partenza dei giocatori.

Domenica prossima The Supporter sarà di scena a Teramo, è probabile che scenda in campo con il dente avvelenato, dopo la sconfitta dell’andata, in piena emergenza covid.

(foto Augusto Giglietti)

RISTOPRO FABRIANO-THE SUPPORTER JESI 67-56 (17-18, 21-12, 10-13, 19-13)

Ristopro Fabriano: Papa 6 (2/3, 0/0), Merletto 12 (3/3, 2/5), Scanzi 0 (0/0, 0/0), Marulli 11 (4/7, 1/2), Radonjic 7 (2/6, 0/3), Re ne, Di Paolo ne, Paolin 9 (3/4, 1/4), Garri 10 (4/8, 0/3), Gulini ne, Caloia ne. All.: Pansa.

Tiri liberi 9/16. Rimbalzi 43, 10+33 (Radonjic 12). Assist 7 (Garri, Merletto 2).

The Supporter Jesi: Ferraro 5 (1/2, 1/2), Simone Mentonelli 0 (0/1, 0/1), Quarisa 8 (4/8, 0/1), Giampieri 9 (3/5, 0/4), Magrini 6 (1/4, 1/6), Gabriele Mentonelli ne, Memed 0 (0/0, 0/0), Ginesi ne, Giacché 17 (5/7, 1/7), Valentini 5 (1/3, 1/2), Montanari ne, Cocco 6 (3/5, 0/0). All.: Ghizzinardi.

Tiri liberi 5/11. Rimbalzi 30, 4+26 (Quarisa 8). Assist 5 (Quarisa 2).

Arbitri: Acella di Corato e Casarola di Ruvo di Puglia.






Questo è un articolo pubblicato il 21-02-2021 alle 20:19 sul giornale del 22 febbraio 2021 - 250 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo, giancarlo esposto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPaO





logoEV