Quantcast

Il presidente di "Smile Mission Onlus" Parolini sulla morte degli italiani in Congo: “Poniamo fine al massacro di popolo e coscienze”

2' di lettura 24/02/2021 - Riguardo la tragica morte in Congo dell’ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci, interviene il Dott. Parolini, Presidente Nazionale Associazione Smile Mission Onlus, con una lettera indirizzata al Ministro degli Esteri Di Maio, e alla Prof.ssa Laura Strohmenger, Membro associato OMS.

”La morte del nostro Ambasciatore, dr. Luca Attanasio, del Carabiniere Vittorio Iacovacci e dell’autista congolese Mustapha Milambo Baguma, avvenuta in Congo, ci porta alla triste realtà di una Regione (il Nord Kiwu) che, pur essendo ricchissima (diamanti e coltan in primo luogo) e, forse, proprio per questo, è perennemente in guerra. Una situazione che è funzionale a tutti coloro che hanno interessi economici nella Regione. Una guerra che dura da decenni, che è costata la vita a otto milioni di persone e alla quale non è mai stato dato un grande peso in Europa, negli USA o in Cina. Come è ben noto, - sottolinea Parolini - l’ONU ha inviato un contingente non adeguato a fermare la carneficina. Aiuti umanitari arrivano da tutto il mondo, ma non lasciano traccia; danno solo l’impressione a noi occidentali di restituire un po’ del maltolto".

"Smile Mission Onlus, Associazione di Volontariato Internazionale, nel Nord Kiwu ha creato negli ultimi 15 anni, una scuola di odontoprotesisti riconosciuta anche a livello governativo e che ormai si autogestisce. Conosciamo bene quindi la situazione in cui versa questo territorio. Mille sono le situazioni e gli avvenimenti -spiega il presidente - che si potrebbero raccontare per illustrare la ferocia e la disperazione che segnano giornalmente la vita degli abitanti. Purtroppo però noi occidentali non facciamo nulla per evitare o fermare questa situazione, per eliminare gli interessi delle nostre lobby, particolarmente forti economicamente e politicamente e che finanziano i disordini e l’anarchia, foraggiando i cosiddetti ribelli che altro non sono che mercenari al soldo dei paesi che hanno interessi economici. Vogliamo chiedere che finalmente con forza e incisività si intervenga in tutte le Sedi Internazionali possibili per porre fine a questa tragedia".

"La morte del Dr. Attanasio e dei suoi accompagnatori, un ambasciatore così disponibile e che ci ha prestato ascolto e aiutato in molte occasioni, deve smuovere le coscienze di coloro che possono intervenire. Non facciamo in modo - conclude Parolini - che ricada il silenzio, poniamo fine al massacro di questo popolo e delle nostre coscienze”.

Ufficio Stampa Smile Mission Onlus Volontariato Internazionale






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2021 alle 16:32 sul giornale del 25 febbraio 2021 - 158 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPH3





logoEV