Quantcast

Pesaro: Fatture false per 25 milioni di euro, nei guai imprenditore pesarese

guardia di finanza 4' di lettura 24/02/2021 - Le fiamme gialle pesaresi hanno concluso una complessa attività di polizia giudiziaria e tributaria che ha consentito di disvelare un ampio sistema di “frode carosello”, finalizzato all’evasione d’imposta e all’acquisto di merce a prezzi molto competitivi rispetto al loro valore normale, con la conseguente alterazione del regolare funzionamento del mercato e della concorrenza.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Pesaro e svolte dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, si sono concentrate su un imprenditore, esercente nel settore della distribuzione all’ingrosso di prodotti alimentari e bevande, che agendo con totale consapevolezza, comprava sistematicamente merce “sottocosto”, attraverso società cartiere, alcune delle quali create da lui stesso, per poi rivenderle a un prezzo vantaggioso, rispetto ai suoi concorrenti che si approvvigionavano sul mercato regolare, alterando – di riflesso - la normale concorrenza tra imprese del settore.

L’attività investigativa svolta ha potuto disvelare un ricorrente meccanismo fraudolento, utilizzato nelle frodi IVA, volto ad aggirare le normative vigenti al fine di porre in essere ingenti evasioni e frodi fiscali, basato principalmente sull’interposizione di società fittizie, costituite “ad hoc”, nelle transazioni commerciali, tra i grossisti e i distributori di merci. Le società interposte, gestite spesso formalmente da prestanomi - per celare l’effettivo intento - e prive di una vera e propria gestione aziendale, acquistano e rivendono merce solo cartolarmente, utilizzando quindi fatture soggettivamente false, dissimulando l’effettiva transazione commerciale che avviene tra due soggetti principali.

Il meccanismo fraudolento prevede che nella catena di società interposte ce ne sia una, o più, che non paga le imposte e/o che simula operazioni estere per eseguire transazioni senza applicazione di imposte e che, per tale motivo, può vendere la merce acquistata (sempre cartolarmente) a un prezzo inferiore a quello di mercato. Spesso altri soggetti interposti sono invece reali, ignari di trovarsi nel sistema fraudolento; più sono i passaggi nella catena di distribuzione delle merci e meno alta è la probabilità di poter individuare, di volta in volta, i soggetti che effettuato operazioni fittizie, il mancato versamento delle imposte e, nel complesso, risalire al sistema di frode e ai reali responsabili della stessa.

Lo spregiudicato imprenditore pesarese, classe 1953, si è dimostrato non solo consapevole della provenienza della merce ma parte attiva nel sistema di frode, che ha interessato anche società al di fuori della provincia pesarese. Basti pensare che i militari operanti, ricostruendo l’incidenza percentuale delle fatture false utilizzate dallo stesso, sul totale delle fatture di acquisto, hanno rilevato una percentuale di circa il 75%, in ogni anno. In altre parole, su acquisti per un totale di 100, le società dell’uomo utilizzavano fatture per operazioni soggettivamente inesistenti per oltre 75. Giova inoltre evidenziare che già in passato, a carico del medesimo imprenditore, erano state riscontrate gravi violazioni fiscali per il tramite di altre società oramai cessate, che lo hanno portato più volte a giudizio, ottenendo tre condanne in primo grado, per un totale di pena di 7 anni e 6 mesi di reclusione. Nonostante ciò, una sorta di nostalgia non ha evidentemente fatto desistere l’uomo dal “vizietto” di utilizzare le frodi nell’ambito delle proprie attività commerciali.

Complessivamente, sono state deferite all’Autorità Giudiziaria 4 persone fisiche (oltre all’imprenditore i prestanomi di alcune società “cartiere”) ed è stato rilevato un giro di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per un totale complessivo di 25 milioni di euro, I.V.A non versata pari a circa 1,2 milioni di euro, tramite l’utilizzo di 3 società, riconducibili alla gestione della stessa persona fisica.

È stato altresì eseguito un sequestro preventivo per equivalente emesso dal G.I.P. di Pesaro riferito all’imposta evasa: allo stato sono state sottoposte a sequestro disponibilità finanziarie per oltre 70 mila euro e sono in corso ulteriori accertamenti al fine di individuare ulteriori beni e disponibilità riconducibili all’evasore.

A chiusura della complessa attività di indagine sono stati altresì effettuati i rilievi fiscali in ordine alla contabilizzazione di fatture relative ad operazioni soggettivamente inesistenti e l’applicazione del disposto normativo dell’indeducibilità dei costi da reato.

L’esecuzione dell’attività in parola è stata possibile grazie alla marcata proiezione investigativa che connota l’azione della Guardia di Finanza, attuata secondo un approccio trasversale e multidisciplinare, soprattutto in riferimento ad illeciti insidiosi e non sempre percepibili dal consumatore, quali l’evasione e le frodi fiscali, che creano invece importanti effetti distorsivi tra gli operatori economici, penalizzando coloro che rispettano le leggi tributarie e, di conseguenza, la collettività.

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su WhatsApp o Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.4439462 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie).
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"






Questo è un articolo pubblicato il 24-02-2021 alle 10:22 sul giornale del 25 febbraio 2021 - 202 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, pesaro, guardia di finanza, articolo, evasione iva

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPBM





logoEV