Quantcast

Jesi in Rima: "Ce mancava le varianti"

1' di lettura 10/03/2021 - Marinella Cimarelli scrive ancora del covid, per un nuovo appuntamento con la rubrica Jesi in Rima.

CE MANCAVA LE VARIANTI

E' rivada pure
la 'variante' Affrigana,
che me ce farìa rima
co' "Oh..porca putt...a!"
Solo che le parolacce
non s'addice a na' Signora,
perciò me trattiengo
che' sci cumincio a st'ora
pe' quanno vie' sera
n'avro' ditte muntebe'
l'Inghiltéra, 'l Brasile
e chi l'ha preso se 'l tie'...
Sta' a vede che dendro l'Ovo
ce troamo la 'variante',
Pasqua Dumilaventuno
decisamente interessante!
Ce mangava solo quéssa,
dopo stamo a posto,
ma a gi' avanti cusci'
ce rivamo a Féragosto?
L'Ospedali è strapieni
i posti letto occupadi
i Sanitari schiatta
e pòghi è i fortunadi
c'ha fatto 'l Vaccino.
Mo' a chi te 'rcomànni?
E que è colpa nostra
sci' non c'emo ottantanni?
Dice: "Stai dendro casa,
non te mòe anvèlle!"
Te pare facile rinuncia'
pure a quelle?
Le sigarette dal Tabaccaro,
che' sci' non fumo
non me porta paro...
Sarò pure libbera
de 'ntossigàmme?
Me chiedo solo
a quale Santo rvoltamme!
Santa Gnacchèra
Spellacchiàda
a Jesi de solido
è fortunada,
San Criscinti' prède
pure lu' non è male,
girò giù 'l Domo
a studia' 'l Portale,
c'è na' mucchia de Santi,
entrerò in sintonia...
hì visto mai
che scappa fòri 'l mia!






Questo è un articolo pubblicato il 10-03-2021 alle 16:50 sul giornale del 11 marzo 2021 - 424 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRXv

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV
logoEV