Quantcast

Jesi in Rima: una poesia per la Settimana Santa

1' di lettura 29/03/2021 - Siamo entrati nella settimana santa e Marinella Cimarelli dedica una poesia a tutte quelle azioni che, per via dell'emergenza sanitaria, non si possono fare ma che sono vive nei ricordi di bambina.

LA SETTIMANA SANTA
Jesini semo entradi
nte la Settimana Santa,
a me me facea Festa
eppo' pure tanta!
Ma ade' come la mettemo
che manga la Processio',
le tappe del Calvario
co' tutte le Stazio'?
Aggia' che m'è mangàda
la Domenniga de le Palme,
'l Prede s'è 'rcomannado:
"Oh donne...stade calme!
Non è che 'l Padreterno
ve nega l'assoluzio'
perchè ede peccado
saltanno la Processio',
e miga ce se fa' apposta,
'niente assembramento'
guardade a me,
ve pare che so' contento?"
Ho capido Pioa', te non parli male
ma visto che io
me preparo da Natale
permetti che non me sfagiòla,
me manga qualchicco'
però que t'ho da di',
me rassegnerò!
Me 'rvedo da munella
su la salida dei Paolotti
mentre mi' fradello
tra mezzo ai Cherighetti
tutto raccolto, umile e ubbidiente
vicino a Monsignore
in mezzo a tanta gente,
facea l'aiutante,
portava le candele
i doni sull'altare
e guardava la Stele.
Più Santa de questa
na' Settimana ‘n ce sarà,
riempimoce de Preghiere
e Acqua Santa a volontà
purifiga, scalcagnifiga
e non lassa come te tròa
solo Cristo Risorto
sci' naufragamo è la bòa.


dalla Redazione di Vivere Jesi
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 29-03-2021 alle 18:40 sul giornale del 30 marzo 2021 - 316 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo, redazione vivere jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bU3p

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima