Quantcast

Simona Lupini (M5S): "ELICA, il MISE intervenga: lettera a Giorgetti"

1' di lettura 05/04/2021 - Pasqua di protesta per gli operai di ELICA, che dopo l’annuncio di 409 esuberi su 560 dipendenti, hanno picchettato i cancelli dei due stabilimenti di Cerreto d’Esi, destinato alla chiusura nei piani del management, e di Mergo.

La consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Simona Lupini continua a pressare il MISE per un intervento: “ELICA è stata convocata in Regione per il prossimo 08 aprile, ma un confronto a livello locale non basta - sottolinea la consigliera pentastellata, eletta a Fabriano dove il gruppo ha sede - E’ necessario portare la vertenza a livello nazionale, con l’apertura immediata di un Tavolo di Crisi al Ministero dello Sviluppo Economico”.

Già giovedì scorso, la consigliera si era attivata per interessare il Ministero: “Sono stata in contatto costante con la viceministro Alessandra Todde, spiegandole la situazione: è fondamentale che gli sforzi dei sindaci e dei rappresentanti sindacali trovino una sponda istituzionale.” La consigliera Lupini ha quindi inviato una lettera al ministro Giorgetti, chiedendo di avviare la procedura di confronto: “Venerdì ho scritto al Ministro: ELICA è una multinazionale, e la chiusura dello stabilimento produrrebbe un effetto devastante in tutta l’area montana, tra licenziamenti e contraccolpi sulla filiera, serve un intervento di livello nazionale.”

In attesa di un riscontro da parte del Ministero, l’obiettivo è chiaro: “Dobbiamo tutelare i lavoratori e la produzione: questo territorio ha già subìto troppi colpi. Serve una sinergia per scongiurare la chiusura di Cerreto d’Esi e impedire una nuova delocalizzazione.”


da Pietro Smargiassi

Movmento 5 Stelle





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2021 alle 12:42 sul giornale del 06 aprile 2021 - 211 letture

In questo articolo si parla di attualità, Movimento 5 Stelle, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bV40