Quantcast

Elica, Gadda (Italia Viva) interroga la Commissione Lavoro

vertenza Elica 2' di lettura 12/04/2021 - Il 7 aprile 201 L’On Maria Chiara Gadda ha presentato una Interrogazione a risposta immediata in Commissione Lavoro chiedendo quali iniziative il ministero intenda mettere in atto e se non ritenga urgente l’immediata convocazione di un tavolo al fine di scongiurare la chiusura dello stabilimento Elica di Cerreto d’Esi e la perdita di posti di lavoro in una situazione occupazionale già così drammatica segnata dalle conseguenze della pandemia

Denunciando il disastro sociale ed industriale del territorio di Ancona colpito da un progressivo depauperamento del tessuto produttivo con fortissime implicazioni dal punto di vista occupazionale e di perdita del patrimonio storico e di competenze professionali.

l’azienda Elica spa, ha annunciato un piano di ristrutturazione, stabilendo 409 esuberi su 560 dipendenti nel comprensorio di Ancona, la chiusura di uno stabilimento a Cerreto d'Esi (Ancona) e la delocalizzazione del 70% delle produzioni in Polonia.

La riorganizzazione, come si evincerebbe dal piano industriale 2021-2023, "prevede per l'area Cooking Italia la trasformazione del sito produttivo di Mergo nell'hub alto di gamma, il trasferimento delle linee produttive a maggiore standardizzazione nello stabilimento di Jelcz-Laskowice in Polonia e l'integrazione nel plant di Mergo dell'attività del sito di Cerreto".

In una nota l'azienda parla di una "dolorosa scelta che servirà a salvaguardare la strategicità e la centralità dei siti di Fabriano e di Mergo e consentirà di mantenere il cuore e la testa del Gruppo nelle Marche";.

Troppo facile dire "dolorosa scelta che servirà a mantenere il cuore e la testa del Gruppo nelle Marche", servono anche le “braccia” e le competenze di lavoratrici e lavoratori, e non solo i centri direzionali, come ha ricordato L’On Gadda nella sua replica durante il question time in commissione lavoro”

Il ridimensionamento di Elica si inserisce in un momento molto delicato determinato dalla pandemia, e nella già complessa situazione della zona industriale di Fabriano;

Il Comitato di Italia Viva Fabriano sottolinea: ” Pensare che solo nel 25/3/21 la società di revisione nel certificare il bilancio 2020 dichiarava “il Gruppo Elica è stato in grado di mostrare la propria resilienza e la validità del percorso strategico intrapreso”. Questo lascia ancora più l’amaro in bocca.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-04-2021 alle 10:43 sul giornale del 13 aprile 2021 - 204 letture

In questo articolo si parla di attualità, cerreto d'esi, Mergo, elica, esuberi, italia viva, comunicato stampa, chiusura stabilimenti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bW4y





logoEV