Quantcast

1 Maggio, Rifondazione: "Lotta e festa"

2' di lettura 30/04/2021 - Rifondazione Comunista date le condizioni fortemente limitanti della pandemia terrà una Assemblea Nazionale delle lavoratrici e lavoratori con collegamenti da tutte le città d'Italia.

La crisi che attraversa il nostro Paese è una crisi strutturale che il modo di produzione del capitale ed i capitalisti vorrebbero sfruttare per ridistribuire ricchezze e poteri, a loro vantaggio. A fronte di un sindacato ufficiale che balbetta e non trova momenti unificanti e generali di lotta, nel Paese si stanno producendo centinaia di vertenze, momenti di lotta che rivelano l'esistenza mai sopita del conflitto tra capitale e lavoro. Rifondazione Comunista in molte di queste vertenze e' parte attiva e contribuisce affinchè il conflitto trovi una sponda anche politica. Dai raider, alla sanita' privata, alla scuola, ai trasporti. Nella nostra regione assume un ruolo di spicco la vicenda Elica, di delocalizzazione si tratta. Un padrone che pensa solo al suo profitto lascerà svariate centinaia di lavoratrici, lavoratori, senza un reddito perchè trasferirà la produzione in Polonia. L'attuale giunta regionale solidarizza con il padrone anzichè con le mestranze!

Altra vicenda emblematica, quella della COOSMARCHE, che tradendo la tradizione del movimento cooperativo, invece che socializzare i profitti, pensa di socializzare le perdite sulla pelle dei soci-lavoratori senza uno straccio di dimostrazione della vericidita' dello stato di crisi. Il personale della sanita'privata delle Marche - area vasta 2 - si vede negato il rinnovo del cotratto dal 2006. In questa vicenda entra direttamente la Regione Marche che con l'Amministrazione Ceriscioli, aveva aumentato il trasferimento di risorse dal pubblico al privato dal 3% al 9%, quindi come sempre costi pubblici e profitti privati. L'attuale amministrazione regionale non ha ancora garantito la sua quota per coprire le retribuzioni. Gli “eroi del COVID” sono passati nel dimeticatoio. Dal dicembre 2020 si sono visti sospesi tutti i pagamenti delle retribuzioni accessorie previste dal Contratto Nazioale e dagli accordi regionali.

Ovviamente parliamo di situazioni che confliggono e riescono in qualche modo non essere silenziati, abbiamo come partito il compito di dare voce ai tanti INVISIBILI che non hanno potere contrattuale, alle partite IVA, ai piccoli artigiani, a quelli che vivono il ricatto del caporalato, abbiamo un compito ambizioso far ritornare le persone in carne ed ossa ad essere protagonisti del loro futuro, giovani, donne che siano.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-04-2021 alle 19:07 sul giornale del 03 maggio 2021 - 135 letture

In questo articolo si parla di prc jesi, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b1mA





logoEV