Quantcast

Processo Banca Marche: sentita la teste Barbara Valaperti, responsabile della Korn Ferry Italia

banca marche| 2' di lettura 04/05/2021 -

Nuova udienza del processo penale sul crack Banca Marche durante la quale sono emerse altre novità. È stata sentita la teste Barbara Valaperti, responsabile della Korn Ferry Italia , società incaricata da Banca Marche a decorrere dal febbraio 2012, di selezionare prima il condirettore generale della Banca e poi con il licenziamento del Direttore Massimo Bianconi il nuovo direttore generale. Incalzata dalle domande dell’avv. Corrado Canafoglia la teste ha riferito che il nominativo del rag. Luciano Goffi era stato dalla sua società di selezione ritenuto avere un “profilo non in linea con le richieste del cliente“, ove il cliente la banca stessa.

La Valaperti ha giustificato questa bocciatura di Goffi, colui che poi sarebbe stato nominato a settembre 2012 nuovo direttore generale della Banca, con il fatto che "la Korn Ferry Italia avrebbe avuto indicazioni dalla stessa Banca Marche di evitare nominativi provenienti da banche concorrenti nel territorio, quale Banca Popolare di Ancona, dove Goffi ricopriva il ruolo di direttore generale. A fronte di tale affermazione, l’avv. Canafoglia ha chiesto alla teste il motivo per cui invece un altro nominativo che lavorava presso Banca Popolare di Ancona, Nunzio Tartaglia, era stato invece preso in considerazione della ditta di selezione, ma non c'è stata alcuna risposta. Altro colpo di scena si è avuto quando l’avv. Canafoglia ha chiesto alla teste se avevano selezionato come direttore generale o codirettore generale il dr. Giuseppe Feliziani, colui che a settembre 2013 sarebbe stato nominato da Bankitalia commissario di Banca Marche insieme al Dr. Terrinoni ed al Prof. Inzitari.

La teste Valaperti confermava di aver selezionato favorevolmente Feliziani, riferendo peraltro che quest’ultimo era un dirigente di alto livello del Gruppo Intesa San Paolo, la banca che oggi ha acquistato Banca Marche per 0,33 euro avendo incamerato UBI Banca. E' emerso che Goffi non era stato selezionato come direttore generale, ma poi a settembre Banca Marche lo aveva ugualmente nominato lo stesso, a differenza di altri soggetti che pur avendo superato favorevolmente la selezione, non erano stati considerati dall’Istituto marchigiano, e tra questi figurava anche colui che sarebbe diventato da li a poco commissario, Feliziani appunto. Ma la rivelazione più forte si è avuta quando la teste ha riferito che il nominativo di Feliziani era stato suggerito alla Korn Ferry a luglio 2021 dallo stesso Bianconi, momento in cui quest’ultimo non era più in Banca Marche. Il processo è stato rinviato al 10 maggio.






Questo è un articolo pubblicato il 04-05-2021 alle 10:18 sul giornale del 05 maggio 2021 - 230 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, banca marche, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b1DS





logoEV