Quantcast

Carte prepagate: ecco le più richieste del momento ad uso privato

4' di lettura 08/05/2021 - L''introduzione di limiti ai pagamenti in contanti prima e gli incentivi a favore della moneta digitale poi hanno senza dubbio contribuito al grande successo delle carte prepagate. In realtà questi strumenti di pagamento si stavano diffondendo molto rapidamente anche prima, soprattutto grazie alla maggiore sicurezza offerta quando si effettuano acquisti online.

Negli ultimi anni il numero degli istituti che hanno lanciato sul mercato le loro prepagate è cresciuto enormemente. I prodotti inoltre si differenziano tra loro per diverse caratteristiche: per poter scegliere la soluzione più adatta alle proprie necessità è possibile visitare portali specializzati come Chescelta.it, dove trovare recensioni e approfondimenti che aiutano l’utente ad individuare lo strumento di pagamento più adatto all’utilizzo che ne deve fare.

Il successo delle carte prepagate con IBAN Revolut

Le carte prepagate con Iban sono riuscite a conquistarsi una buona fetta di mercato: possono essere considerate come una sorta di evoluzione delle tradizionali carte ricaricabili, perché permettono di eseguire anche le operazioni bancarie più comuni. Fa parte di questa categoria la Revolut, una carta prepagata disponibile in quattro differenti versioni: Standard, Plus, Premium e Metal.

Quella Standard ha un canone mensile pari a 0 euro e permette di effettuare fino a 200 euro di prelievi al mese: superata questa soglia si deve pagare una commissione del 2%. La carta Revolut Plus prevede un canone mensile di 2,99 euro, che includono i prelievi gratis fino a 200 euro al mese e un'assicurazione di base sugli acquisti effettuati.

Il piano Premium prevede un canone mensile di 7,99 euro: in questo caso i prelievi sono gratuiti fino a 400 euro al mese e la copertura assicurativa è più estesa (assicurazione medica internazionale, bagagli, volo). Inoltre, i titolari di Revolut Premium vantano un canale di assistenza prioritario. Infine c'è la carta Revolut Metal, che con un canone mensile di 13,99 euro consente di prelevare gratuitamente fino a 800 euro al mese e permette di ottenere un cashback sugli acquisti effettuati.

Le versioni delle carte N26 per privati

Un'altra carta prepagata dotata di codice Iban che sta riscuotendo un ottimo successo è quella emessa dalla tedesca N26. Per quanto riguarda i privati, i piani disponibili sono quattro: Standard, Smart, You e Metal. La versione Standard non prevede alcun canone mensile, ma se si vuole la carta fisica è necessario pagare il costo di emissione di 10 euro; sono inclusi tre prelievi gratuiti al mese da qualsiasi sportello.

La carta conto N26 Smart prevede un canone mensile di 4,90 euro ed include la carta fisica (disponibile in cinque colori), i prelievi gratis in Italia ed in Europa, il supporto telefonico ed altri vantaggi. La carta prepagata N26 Metal comporta il pagamento di un canone mensile di 16,90 euro che include la carta in acciaio, prelievi gratis ovunque ed in qualsiasi valuta, coperture assicurative per i viaggi e le attività quotidiane.

La sicurezza della “carta gialla” Postepay

È praticamente impossibile parlare delle migliori carte prepagate per privati senza fare almeno un accenno a quella che può essere considerata l'apripista del settore, ovvero la Postepay. Anche se la concorrenza è aumentata, secondo alcune statistiche, circa il 35% degli acquisti online viene ancora pagato con una carta Postepay. Lanciata sul mercato nel 2003, questa carta nel corso del tempo si è evoluta ed ora è disponibile in diverse versioni.

La Postepay Base non è dotata di Iban e non è associata a nessun conto. Non è previsto un canone mensile, ma c'è un costo di emissione di 10 euro a cui si devono aggiungere almeno 5 euro per la prima ricarica obbligatoria. I prelievi costano 1 euro da ATM Postamat e 1,75 da altri ATM italiani ed europei. Esiste anche la versione con Iban, la Postepay Evolution, che prevede un costo di emissione di 5,00 euro (più almeno 15 euro per la prima ricarica) ed un canone mensile di 12,00 euro.






Questo è un articolo pubblicato il 08-05-2021 alle 10:53 sul giornale del 08 maggio 2021 - 73 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b2gv





logoEV