Quantcast

Elica, Fai, Bakunin, Ferrer e Gruppo Anarchico "Kronstadt": "La lotta dell'Elica riguarda tutti"

Manifestazione vertenza Elica 2' di lettura 13/05/2021 - Una nostra delegazione, senza bandiere o passerelle politiche di sorta, ha diffuso ieri durante la manifestazione dei lavoratori di Elica in sciopero.

Di fronte all’ennesima fuga del padrone con la cassa dei soldi, non ci possono essere tentennamenti: deve essere garantito il reddito e il lavoro per chi è stato sacrificato sull’altare del profitto, della cattiva gestione, della disonestà di aver attinto a risorse pubbliche per anni e, alla fine rispondere con una alzata di spalla e l’espressione contrita che seppur doloroso, altro futuro non c’è per la fabbrica. Chi parla di dolore se ne scappa con i soldi, e non soffre in alcuna maniera. Anzi, fa soffrire chi invece subisce tutto questo e teme di restare da solo di fronte alla disoccupazione, alla perdita del salario, al baratro della miseria in cui viene precipitato. Istituzioni e partiti, uomini di palazzo e funzionari del sindacato, cercatori di voti e ipocriti della questione sociale, tutti costoro devono fare una sola cosa: trovare le risorse atte a garantire in primo luogo reddito e lavoro. Poi si può chiacchierare, ma prima mettere in sicurezza il futuro dei lavoratori! Intanto da giorni, il bollettino di guerra delle morti e degli infortuni sul lavoro, continua ad aggiungere drammi e lutti ad un momento già duro di per sé.
Chiunque abbia a cuore l’interesse delle famiglie, dei lavoratori, della popolazione colpite dalla delocalizzazione dell’Elica, deve concorrere a trovare soluzione per le vittime delle scelte scellerate di amministratori che hanno mostrato tutta la loro spregiudicatezza ed inefficienza. Ai lavoratori si chiedono sacrifici e qualità, pazienza e comprensione, e li si ripaga con precarietà, licenziamenti, infortuni e morte. I responsabili di questo vengono continuamente premiati con poltrone e portafogli gonfi.
Questo non può più essere tollerato! Reddito e lavoro per i lavoratori dell’Elica, sicurezza e futuro per tutti i lavoratori. Questa la base di qualsiasi trattativa da fare. Questa la semplice piattaforma di lotta da portare avanti. Chi ci sta e apporta contributi e solidarietà, bene! Gli altri o sono sciacalli, o sono complici. O entrambe le cose.

Reddito e lavoro, non un passo indietro.


da FAI – Federazione Anarchica Italiana
Gruppo “Michele Bakunin” – Jesi
Gruppo “Francisco Ferrer” – Chiaravalle





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-05-2021 alle 18:03 sul giornale del 14 maggio 2021 - 152 letture

In questo articolo si parla di attualità, FAI - Federazione Anarchica Italiana, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b2Yd





logoEV