Quantcast

Darco Pellos, il nuovo Prefetto della provincia di Ancona: “Io marchigiano, orgoglioso di questa nomina”

3' di lettura 31/05/2021 - Si è presentato alla stampa il nuovo Prefetto della Provincia di Ancona Darco Pellos: “Noi marchigiani dobbiamo essere contenti di abitare in questo territorio e di essere una comunità coesa ed operosa. Tra le mie priorità occupazione e sicurezza sul lavoro”

Ha incontrato i rappresentanti della stampa locale nella conferenza convocata lunedì mattina al palazzo del Governo, sede della Prefettura, Darco Pellos, il nuovo Prefetto della provincia di Ancona: “Arrivare ad Ancona è un onore per me. Sono onorato che il Governo nazionale abbia voluto affidare una sede così di prestigio a me che sono marchigiano” afferma il Prefetto. Darco Pellos di origine svizzera cresce e studia ad Urbino dove ha ricoperto la carica di assessore dal '85 al '90. Laureato in giurisprudenza inizia la sua carriera nella Prefettura di Pesaro. Si trasferisce in seguito nei territori di Belluno e poi di Forlì. Nella provincia romagnola impara a conoscere il territorio della riviera e offre il suo servizio nei difficili momenti che hanno seguito il sisma del 2012. In seguito Darco Pellos ricopre il ruolo di commissario alla Prefettura di Trapani. Ad Ancona il Prefetto giunge dopo aver ricoperto il ruolo di Capo-gabinetto nel dipartimento dei Vigili del fuoco.

“Ancona è per me un traguardo e un grande obiettivo raggiunto. Nel territorio marchigiano merita il massimo dell'attenzione e ha una serie di valori intrinseci nelle essere una comunità” afferma il Prefetto “Vorrei soffermarmi sulla grande operosità del territorio marchigiano e della provincia di Ancona. Delle Marche spesso non si riesce a capire il valore che abbiamo a disposizione e che queste risorse vanno oltre il valore medio nazionale. La Provincia di Ancona è una perfetta sintesi dei valori di questa terra”.

Proprio il lavoro sarà tra i punti su cui il Prefetto Pellos intende porre particolare attenzione assieme alla salute: “Il mio pensiero va alle vittime del Covid, ma anche a quelle del lavoro. Sul tema del lavoro dobbiamo impegnarci. Andare a lavorare non può essere un pericolo. Dobbiamo anche salvaguardare i posti del lavoro. Il primo articolo della Costituzione ci indica una priorità per il paese e la difesa della sicurezza del posto di lavoro è un tema a cui ci dobbiamo dedicare. Stiamo seguendo le vertenze aziendali con attenzione”.

Così anche i temi della salute: “Anche durante il Covid il nostro si è saputo riconoscere come un sistema sanitario qualificato ed efficiente che anche in tempi di difficoltà ha saputo resistere. Siamo un modello internazionale e la regione Marche e i suoi medici hanno ben figurato”.

Il Prefetto Pellos, giunto ad Ancona solo mercoledì ha già incontrato il Sindaco di Ancona Valeria Mancinelli e il Presidente della Regione Francesco Acquaroli. In particolare con il Sindaco Mancinelli sono emerse questioni relative alla riapertura e di attenzione i giovani, in particolare per arginare casi di vandalismo e bullismo nel territorio: “Ci troviamo ora in una situazione particolare: c'è voglia di ripartire, ma occorre ripartire con cautela. Alle giovani generazione dobbiamo parlare di prudenza attenzione. Spiegare perchè utilizzare le mascherine e il distanziamento per riprenderci la libertà con tutte le tutele del caso. Ma sono convinto che tutto andrà bene”.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 31-05-2021 alle 19:24 sul giornale del 01 giugno 2021 - 177 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, articolo, Filippo Alfieri





logoEV