Quantcast

Mobilità sostenibile: trend di vendite positivo per gli hoverboard

5' di lettura 19/06/2021 - La qualità dell'aria nelle città, soprattutto in quelle più grandi, è arrivata a livelli davvero molto bassi. Da molto tempo il tema della mobilità sostenibile è al centro di diversi dibattiti e finalmente sia i cittadini che le varie autorità nazionali e comunitarie hanno deciso di passare ai fatti.

Ne sono una dimostrazione i dati sulle vendite dei cosiddetti veicoli alternativi ad impatto ambientale zero.

Le vie delle città si sono così popolate di biciclette e monopattini, sia nella loro tradizionale versione muscolare che in quella elettrica, ma anche di veicoli quasi mai visti prima, che sembrano provenire direttamente dal futuro. Tra i protagonisti di questa svolta green verso una mobilità più sostenibile ci sono anche gli hoverboard.

Cos'è l'hoverboard e come funziona

L'hoverboard è il mezzo che meglio rappresenta il concetto di veicolo per la micromobilità. Piccolo, leggero da trasportare, economico, facile e divertente da usare, questa sorta di skateboard elettrico a due ruote permette di spostarsi rapidamente nel traffico urbano. Il mercato offre un'ampia varietà di soluzioni: è importante dunque sapere dove trovare i migliori hoverboard per avere la certezza di acquistare strumenti di qualità che garantiscono le più alte prestazioni.

Ad un primo sguardo i modelli possono sembrare tutti più o meno uguali, ma in realtà le differenze possono essere tante e sono tanti gli aspetti da considerare per scegliere quelli più adatti alle proprie necessità. Dimensioni, peso supportato, caratteristiche della batteria, qualità dei materiali, diametro delle ruote: sono dettagli fondamentali per la scelta del modello ideale.

Chiamato anche scooter elettrico autobilanciante, l'hoverboard è un vero concentrato di tecnologia. È costituito da una pedana di circa una sessantina di centimetri dotata di ruote sui due lati (connesse, ma indipendenti tra loro). All'interno della pedana è presente un motore che, azionato dalla batteria, permette di muoversi lungo le vie delle città.

Potrebbe sembrare un mezzo difficile da guidare, ma in realtà non lo è affatto, anzi è decisamente divertente. L'hoverboard si muove secondo i movimenti fatti dalla persona che lo conduce. I “comandi” si impartiscono esercitando pressione sulla pedana con i piedi oppure spostando il peso in avanti o indietro e vengono percepiti dai sensori presenti sul veicolo.

Le caratteristiche del veicolo

Prima di acquistare un nuovo microveicolo è necessario avere ben chiare quelle che sono le proprie esigenze. Chi userà l'hoverboad, su che tipo di tracciato, per quali distanze e così via. Sono elementi fondamentali per individuare i modelli compatibili con questi bisogni. La prima cosa da controllare è il peso massimo che può essere tollerato dalla pedana: in media, il carico massimo è di 110 kg.

Bisogna considerare anche quello che è il peso del veicolo: di solito si aggira tra i dieci ed i quindici chili; è importante accertarsene, perché influisce sulla portabilità dell'hoverboard. Un altro fattore fondamentale è rappresentato dalle caratteristiche della batteria: da esse dipendono l'autonomia del veicolo (condizionata anche dal tipo di percorso affrontato e dal peso dell'utente) ed i tempi di ricarica.

Le caratteristiche del motore invece determinano la velocità che può essere raggiunta dal mezzo. Anche questo dato è influenzato dal tipo di strada, dagli eventuali dislivelli presenti lungo il percorso e dal peso del conducente. In media, la velocità massima si aggira intono ai 15 km/h, ma i modelli più performanti possono raggiungere anche i 25 km/h (limite fissato dalla legge).

È importante tenere conto anche delle dimensioni delle ruote. I modelli che hanno ruote fino a 4,5 pollici sono destinati per lo più ai bambini; i modelli che invece hanno ruote da 6,5 o 7 pollici possono essere utilizzati dagli adulti per muoversi sulle strade. Esistono modelli con ruote da 8 o 10 pollici e quindi sono in grado di affrontare le superfici più sconnesse.

Non può essere sottovalutata la qualità dei materiali: i modelli rinforzati in alluminio sono leggermente più pesanti rispetto a quelli che sono fatti solo in plastica, ma durano di più nel tempo ed assicurano una maggiore resistenza agli urti. A seconda dell'utilizzo che si farà del mezzo bisogna controllare anche la sua eventuale impermeabilità.

I modelli presenti sul mercato si differenziano anche in base agli accessori di cui sono dotati. Gli hoverboard standard hanno un equipaggiamento minimo, composto solo da alcuni indicatori, come quello per il livello della batteria, mentre quelli più sofisticati possono avere una dotazione più completa: sensore GPS, casse audio, telecomando, Bluetooth e così via.

Come scegliere il modello giusto per entrare nell'era della mobilità sostenibile

I fattori di cui si deve tenere conto per scegliere l'hoverboard sono davvero tanti: oltre a quelli già citati, infatti, c'è anche il prezzo. Muoversi sul mercato potrebbe sembrare difficile, ma grazie ai consigli ed alle recensioni del sito ScegliConCura trovare il modello ideale sarà molto più semplice e divertente.

Tra i mezzi consigliati dal portale è possibile menzionare i seguenti modelli: Bebk Hoverboard 6.5, Nilox Doc 2, RCB Hoverboard, M Megawheels, Twodots Lamborghini Glyboard Corse. I prezzi si aggirano tra i cento ed i duecento euro circa: un investimento contenuto per poter entrare, finalmente, nell'era della mobilità sostenibile.






Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2021 alle 10:52 sul giornale del 19 giugno 2021 - 131 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7eu





logoEV
logoEV