Quantcast

Vivere di emozioni: Camper o roulotte? Pro e contro in un'unica filosofia di viaggio

5' di lettura 25/06/2021 - Camper o roulotte? Non c’è una risposta univoca. Dipende. La scelta migliore varia soprattutto dalle proprie priorità.

Entrambe le soluzioni sono sinonimo di libertà e fuga, seguendo l’impulso del momento, senza dare troppa importanza alla meta. Stiracchiare le ali e provare a trovare un lido felice al mare, con i piedi quasi in acqua e la testa fra le nuvole. Oppure in montagna davanti un barbecue, il bosco alle spalle e le stelle ad inghiottirti alla sprovvista. Un perfetto connubio fra il mollare tutto ma con la tua piccola casa e molti dei suoi confort al seguito. Ti senti di vivere un’avventura ma con le tue lenzuola.

Un camper, spesso definito anche autocaravan, è un autoveicolo arredato ad uso abitativo. Una roulotte è invece un rimorchio arredato da agganciare ad un autoveicolo. Essendo un rimorchio, la roulotte è sprovvista di motore e per muoversi deve sempre essere trainata da un veicolo.
Le immatricolazioni di nuovi mezzi da gennaio a dicembre 2020 in Italia sono cresciute complessivamente del 7,44% rispetto all’anno precedente, con picchi di incremento del 50% e del 114% a giugno e luglio. E i primi indicatori per il 2021 dicono che la domanda resterà alta.

La vacanza in camper e roulotte, rappresenta la forma più attuale di turismo, un turismo esperienziale, intimamente legato al territorio e alla natura, in grado di fare vivere soggiorni unici e gratificanti in termini di un arricchimento personale e relazionale. Vediamo insieme quali sono i vantaggi e gli svantaggi di entrambi.

I vantaggi del camper:
- E’ decisamente più versatile della roulotte: dimensioni permettendo, con il camper potrai guidare anche nelle stradine più impervie e dissestate.
- Risulta più manovrabile di una roulotte, il che lo rende perfetto per parcheggiare in mezzo alla natura per una nottata in sosta libera.
- Maggiore capienza dei serbatoi d’acqua e degli impianti di scarico, rendono il camper il mezzo più idoneo ad assicurare autonomia.
- Se intendi viaggiare con il tuo amico a quattro zampe, anche durante gli spostamenti, quando tu sarai alla guida, lui si godrà il viaggio comodamente.

Gli svantaggi del camper:
- I costi sono decisamente più alti rispetto quelli della roulotte, a cominciare dall’acquisto o dal noleggio. E senza considerare bollo, assicurazione, manutenzione e revisione, che ti faranno spendere di sicuro un bel po’ di euro in più.
- Una volta arrivato in campeggio e sistemato il camper nella tua bella piazzola, non lo tirerai certo fuori per andare a fare quell’escursione tanto decantata nella reception del camping, né per andare a cena fuori in quel ristorantino sul “cucuzzolo” di cui ti hanno tanto parlato. Ciò si tramuta in un problema.

I vantaggi della roulotte:
- La roulotte, a differenza del camper, è sì una casa su ruote, ma per muoversi ha bisogno di un mezzo che la traini: è un rimorchio a tutti gli effetti e i limiti di velocità sono ridotti.
- Una roulotte è molto meno costosa rispetto a un camper, sia in termini di acquisto che di manutenzione.
- Sicurezza: chi viaggia con famiglia e bambini, vuole naturalmente raggiungere la destinazione e tornare a casa nella massima condizione di sicurezza possibile. In genere un’autovettura è ritenuta più affidabile rispetto a un camper.
- Una roulotte presenta solo pochi pezzi soggetti a usura, quindi se viene tenuta bene può durare molto a lungo.

Gli svantaggi della roulotte:
- Parcheggiare in una piazzola è più difficoltoso con un veicolo con rimorchio. In viaggio, il parcheggio risulta possibile sono in determinate aree (stazioni di servizio in autostrada ecc…).

- Per un veicolo con rimorchio, percorrere strade strette o attraversare piccoli paesini può non essere possibile.

- In molti luoghi non è consentito lasciare la roulotte priva del veicolo trainante, quindi si rende necessario uno spazio all’interno di un terreno privato. Considerando il rischio di furto, è comunque consigliabile.
Esistono però anche posti abbastanza selvaggi dove puoi stare legalmente e gratuitamente o quasi! Devi tenere comunque presente che di solito è consentito trascorrervi solo una notte. Spesso questi luoghi si trovano vicino a parchi nazionali o prossimi a fattorie e campeggi.
Puoi prenotare il tuo posto comodamente tramite la piattaforma di prenotazione e campeggiare tranquillamente https://spots.roadsurfer.com/
Puoi anche passare la notte in una proprietà privata, ma ovviamente solo se chiedi il permesso ai padroni di casa. Alcuni agricoltori e gestori di fattorie spesso concordano sul fatto che tu stia nei loro terreni per una notte magari per ricambiare il favore si possono acquistare i loro prodotti: frutta, verdura, uova, miele, olio, vino, ecc... Se chiedi gentilmente, hai un’ottima alternativa al pernottamento in campeggio.
Un’altra eccezione sono i bivacchi situati nelle Alpi dove ti è consentito dormire nella natura selvaggia.

Lascia che lo stupore ti sorprenda sempre, cerca nuove prospettive che ti permettano di vivere il doppio! Misurati almeno per una volta in un vagabondare, con la comodità di cucinare un piatto di spaghetti a labbra già salate, non perché hai leccato il mestolo ma perché hai appena finito di fare un bagno in mare. Ci sono situazioni e luoghi dove è consentito ancora sentirsi speciali e molto fortunati, fai di tutto per provare a trovarli. Valgono almeno un’intera estate!

(Immagine da Printerest)






Questo è un articolo pubblicato il 25-06-2021 alle 08:45 sul giornale del 26 giugno 2021 - 283 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, azzurra filottrani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b8DG

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere di emozioni