Quantcast

Italia, Pierluigi Pardo: "Roberto Mancini meraviglioso gestore di talenti"

Pierluigi Pardo 2' di lettura 20/07/2021 - Sotto il segno del "Pier". Motivato come non mai, anche in occasione del primo premio generazionale in Italia Myllennium Award, svoltosi ieri a Roma (Villa Medici - Accademia Di Francia), condotto proprio da Pierluigi Pardo affiancato da Caterina Balivo. 

Proprio a Pardo abbiamo chiesto un giudizio sull'Italia e su questi campionati europei. "E' stato veramente un cammino fantastico. Mancini si è mostrato un meraviglioso allenatore e gestore di talenti. Ci ha fatto sognare e non perde mai. Lo amiamo così come amiamo i nostri eroi azzurri che hanno fatto qualcosa di straordinario".

Sul collettivo azzurro Pardo non ha dubbi: "Ci sono tante belle storie da raccontare in questo Euro 2020. Spinazzola finché non si è fatto male è stato super, anche Chiellini ha fatto registrare prestazioni al top. Il suo valore non era in discussione ma sulle sue condizioni fisiche ci poteva essere qualche dubbio... Chiesa quando è entrato ha cambiato le partite, voglio elogiare nello stesso tempo anche Pessina e Berardi. Potrei andare avanti a vita con i nomi... Tutti ma proprio tutti hanno fatto un grande europeo".

A chi gli chiede come mai i club italiani fanno fatica in Europa mentre a Euro 2020 la nostra nazionale è diventata campione andando oltre le aspettative, Pierluigi Pardo risponde così: "In Europa con i club è un'altra storia. Ci sono club europei che hanno una dimensione internazionale e anche economica superiore rispetto alle squadre italiane. Nonostante questo credo sinceramente che dal punto di vista del risultato finale la nostra nazionale ha giocato meglio sin dall'inizio, ha stradominato e strameritato di vincere l'Europeo. Sulla carta la Francia è la squadra più forte d'Europa. Ma ripeto, solo sulla carta. In pratica siamo noi italiani i più forti di tutti".

Sul prossimo campionato di serie A Pier non vuole far pronostici: "E' ancora presto per esprimere giudizi o fare commenti - conclude Pardo intercettato dal nostro collaboratore Daniele Bartocci - Vedremo anche cosa succederà in estate a livello di calciomercato".

Ai Myllennium Awards, nella sezione sportiva, a vincere è stato un marchigiano di Loreto, Daniele Tarabelli, premiato sul palco da Pierluigi Pardo e Caterina Balivo.
Presente anche il giornalista di Jesi Daniele Bartocci, vincitore delle due precedenti edizioni del premio Myllennium Award, che ha fatto anche quattro chiacchiere con la campionessa Silvia Salis, vicepresidente vicario del Coni ed ex campionessa olimpica, presente al premio con Fausto Brizzi. "Io sono da sempre sampdoriana, Mancini ci faceva sognare da giocatore e ora ci fa sognare con la nazionale. Una felicità doppia anche per la sottoscritta. Le Olimpiadi e il gruppo azzurro? Siamo il gruppo più numeroso della storia, potremo fare un grande percorso, siamo fiduciosi".

Il video dell'intervista sul canale Youtube di VivereJesi (CLICCA QUI)


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it







Questo è un articolo pubblicato il 19-07-2021 alle 11:01 sul giornale del 20 luglio 2021 - 275 letture

In questo articolo si parla di sport, jesi, europa, italia, campione, cristina carnevali, articolo, daniele bartocci, pierluigi pardo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ca3W





logoEV
logoEV
logoEV