Quantcast

Caso Cercaci, MRE: "Contrari con chi tende a minimizzare certi gesti"

1' di lettura 30/07/2021 - Il neo costituito movimento, presieduto da Katia Mammoli, ha detto la sua sulla questione della bandiera sventolata come ventaglio dalla consigliera durante una commissione consiliare.

Sembra che l'ultima moda nella città di Jesi, per difendersi dal caldo, sia quella di sventolarsi con l'immagine della bandiera della Repubblica di Salò. Questo almeno è successo durante una diretta streaming!

Una volta sarebbe stata apologia del fascismo e per questo degna di condanna penale. Ma si sa i tempi cambiano, cambiano le coscienze svaniscono i ricordi, ma almeno per chi rappresenta le istituzioni pubbliche, si vorrebbe non sparissero i valori, ne la conoscenza della storia, ed a chi cerca di minimizzare questi comportamenti va ricordato quanto sangue e sofferenze si nascondono dietro quel simbolo anche se oggi qualcuno pensa di usarlo come ventaglio.

La cittadina benemerita del comune di Jesi, Liliana Segre, forse avrebbe gradito molto meno quel riconoscimento, se poi le azioni successive sono di questo genere!

Assolutamente inadeguata la presa di posizione del Sindaco che limita la sua valutazione soltanto alla constatazione di “un grave errore per il quale è stata chiesta scusa”. Totalmente assente il Presidente del Consiglio Comunale.


da Movimento Repubblicani Europei
Sezione Ugo La Malfa – Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2021 alle 11:51 sul giornale del 31 luglio 2021 - 159 letture

In questo articolo si parla di attualità, movimento repubblicani europei, jesi, MRE, Chiara Cercaci, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ccMV