Quantcast

Droga in auto, tentano la fuga alla Zipa: arrestati dalla Polizia due giovani della Vallesina

polizia alt paletta 3' di lettura 05/08/2021 - Cocaina in auto e in una officina meccanica della città, il cui titolare è stato arrestato. Alla vista della Polizia hanno tentato la fuga a gran velocità ma sono stati bloccati in via Fontedamo.

Il Commissariato di Jesi, nell’ambito di rafforzati servizi di controllo del territorio suggeriti dal Questore Pallini e coordinati dal Dirigente il Commissariato Mario Sica, nella mattinata di sabato 31 luglio ha proposto sul territorio comunale più autopattuglie.

Raccogliendo indicazioni dai residenti su movimenti sospetti nei pressi di un noto bar ristorante della città, situato in periferia, gli Agenti hanno dato inizio ad un mirato servizio di appostamento ed osservazione. E' così che hanno potuto constatare che un'autovettura di grossa cilindrata si appartava nel parcheggio del bar ristorante: i due occupanti, con atteggiamento circospetto, si intrattenevano nei pressi per alcuni minuti.

Quindi, risaliti, si dirigevano verso una vicina officina meccanica, al momento chiusa al pubblico, entrandovi. Dopo circa trenta minuti, l'auto con a bordo i due uomini si dirigevafino alla zona industriale ZIPA. Qui un'altra sosta, stavolta più breve per poi ripartire lungo la Strada Provinciale in direzione di Chiaravalle. A quel punto gli Agenti operanti, coadiuvati da altre autopattuglie, hanno deciso di fermare il veicolo sospetto.

Alla vista dell’auto della Polizia, il conducente ha tentato di seminare la pattuglia che però ha costretto l'auto a fermarsi in Via Fontedamo.

Gli Agenti hanno dapprima intimato tutti e tre gli occupanti a scendere - tre perché lungo il tragitto alla Zipa avevano caricato un terzo uomo - per poi procedere con i controlli. Tutti e tre i fermati erano estremamente nervosi. In effetti, sotto uno dei tappetini vi erano nascosti alcuni contenitori uno dei quali pieno di una sostanza polverosa di colore biancastro.

La perquisizione veniva quindi completata presso il Commissariato. Le prove narcotest eseguite davano precise indicazioni sulla natura della sostanza rinvenuta e sequestrata: cocaina, in tutto mezz'etto.

All’interno del veicolo, nascosto sotto un sedile, è stato trovato un rotolo di carta alluminio ad uso alimentare ed altri oggetti di norma utilizzati per il taglio ed il confezionamento di stupefacenti.

A quel punto gli Agenti, con l’ausilio delle Unità Cinofile hanno perfezionato i controlli anche nelle residenze dei tre uomini e nell'officina meccanica dove erano stati visti entrare. Lì altra cocaina (0,70 grammi) e oggetti da taglio e confezionamento.

Al completamento delle operazioni, sono stati arrestati un 23enne (D.R.) disoccupato di Maiolati Spontini e un 34enne titolare dell'officina meccanica (F.R.), dimorante in Jesi, collocandoli, giuste indicazioni della A.G. e nell’ambito della normativa in essere, presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari.

Il terzo occupante del veicolo, un nigeriano di 24 anni dimorante in città, disoccupato, è stato per ora segnalato all'Autorità Giudiziaria. Sarà la Questura di Ancona a valutare la sussistenza delle condizioni che ne possono determinare l’espulsione dal territorio nazionale.

Giovedì mattina, si è poi svolta l'udienza al Tribunale di Ancona: Il Giudice per le indagini preliminari ha convalidato gli arresti e disposta una misura cautelare non custodiale.

Sono in corso indagini per individuare la filiera destinataria dello stupefacente rinvenuto e sequestrato che appare, per la sua quantità, rivolto ad un rilevante mercato di consumatori.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 05-08-2021 alle 14:38 sul giornale del 06 agosto 2021 - 678 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresti, droga, jesi, fuga, cocaina, cristina carnevali, articolo, officina meccanica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cdDF