Quantcast

Maiolati: secondo appuntamento della rassegna “Teatro in biblioteca”

3' di lettura 30/08/2021 - Mercoledì 1° settembre è la volta di “Ivan Il’Ic” di Tolstoj.

La rassegna “Teatro in biblioteca”, inserita nell’ambito di “Percorsi d’estate”, proposta dalla compagnia teatrale Skenexodia con la direzione artistica di Luca Guerini, propone, mercoledì 1° settembre, alle ore 21, lo spettacolo “Ivan Il’Ic”, con Giorgio Sebastianelli e Chiara Neri. La rappresentazione si terrà nel polo culturale “La Fornace” di Moie. Il titolo, adattamento originale di Guerini del racconto di Lev Tolstoj pubblicato nel 1886, ruota attorno ad un brillante funzionario che a seguito di una caduta da una scala inizierà a mettere completamente in discussione la sua vita e le sue certezze, dal rapporto con la moglie a quello con gli amici. Sarà messo in scena in maniera meta-teatrale, a raccontarlo saranno infatti due attori durante le prove generali dello spettacolo. Nonostante il testo sia stato scritto nell’Ottocento, rimane ancora molto attuale e può offrire numerosi spunti anche al giorno d’oggi.

«Tutte le opere dei grandi artisti – osserva l’attore protagonista Sebastianelli – dialogano fuori dal loro tempo. I piani trattati da Tolstoj sono molteplici ed universali nel racconto. La vita di Ivan credo mostri il lento decadere, o meglio, implodere di una società alto borghese, quella russa, la cui fine avrebbe segnato irrimediabilmente tutto il Novecento. Nell’idea del regista Luca Guerini la malattia vissuta da Ivan può essere paragonata, per analogia, al periodo che abbiamo vissuto e l’invito che parte dal palcoscenico rivolto agli spettatori è quello di interrogarci sulla vita, sulla nostra esistenza individuale e sociale».

Gli attori si sono trovati ad approcciarsi a personaggi molto introspettivi e immedesimarsi in loro ha richiesto un grande lavoro. «Prascovia, il personaggio che interpreto - racconta la protagonista Neri – è una figura completa. Una donna molto pratica, che sa quello che vuole e sa come ottenerlo». Riguardo al proprio processo di immedesimazione nella protagonista femminile dell’opera, spiega come abbia «cercato di analizzare oggettivamente questa donna. All'inizio non la capivo bene ma poi ho provato a “conoscere” chi le sta intorno, le sue abitudini e il suo passato. Nessuno è univoco, o solo buono o solo cattivo, a volte ci vuole tempo per cogliere le tante sfumature».

Anche Giorgio Sebastianelli ha fatto un’approfondita analisi del suo personaggio prima di interpretarlo. «Il ruolo di Ivan ha molte maschere con le quali convive sino ad identificarle come reali. Ha un profondo di ossessioni e una superficie di comportamenti rituali e convenzionali, frutto della società a cui appartiene. Cerca spasmodicamente l’affermazione e il successo. Al precipitare della sua malattia o della sua ipocondria, come dicono gli altri di lui, dovrà immergersi nel “profondo” della sua vita, per tentare la comprensione della sua esistenza».

La regia di Guerini ha saputo accompagnare gli attori in questo percorso: «La direzione degli attori ha sempre spinto per una linea di costruzione creativa del personaggio e del contesto.
Con intelligenti linee guida Luca riesce a lasciare una importante libertà artistica a noi attori», ammette infatti Neri.

Il biglietto di ingresso allo spettacolo è di 10 euro, acquistabile sul sito https://www.liveticket.it/ricerca_eventi.aspx?Id=13595&. Si possono utilizzare sia l’app18 che la Carta Docenti.
In alternativa si può prenotare al numero 331.1688812 (solo WhatsApp) e pagare la sera dell’evento. L’accesso è consentito solo ai possessori di Green Pass.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-08-2021 alle 16:30 sul giornale del 31 agosto 2021 - 159 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cgUb





logoEV
logoEV