contatori statistiche

“Jesi Sicura”, progetto in partenza con due agenti di vigilanza

Francesco Barchiesi cna jesi 2' di lettura 06/10/2021 - CNA plaude “Jesi città da Vivere” e Amministrazione per sensibilità e impegno.

Il progetto “Città Sicura”, ideato e proposto da Cna, trova oggi piena applicazione in un contesto, come quello jesino, recentemente interessato da problemi di ordine pubblico che hanno coinvolto in particolare le attività del centro storico.

Da tempo infatti l’associazione di rappresentanza locale collabora con i principali istituti di vigilanza del territorio, aziende autorevoli e accreditate alle forze dell’ordine come Vedetta2Mondialpol che vanta esperienza e presenza in tutto territorio nazionale con un servizio professionale e all’avanguardia avvalendosi di personale altamente specializzato.

“Nell’affrontare situazioni di vandalismo e atteggiamenti che si discostano dal vivere civile, occorrono professionisti qualificati ed in grado di interfacciarsi in modo autorevole di fronte a situazioni complesse, collaborando altresì con le forze dell’ordine per garantire un efficiente ed adeguato servizio di pubblica sicurezza” afferma il presidente della CNA di Jesi Francesco Barchiesi, che sottolinea come, nonostante l’impegno dei singoli residenti del centro storico e la collaborazione delle attività di ristorazione, la realtà jesina necessiti di modalità ben più strutturate e non episodiche o approssimative, per far fronte all'attuale situazione.

L’iniziativa Cna “Jesi Sicura” vedrà una prima fase sperimentale pronta a partire nel giro di pochi giorni, dove 2 agenti di vigilanza privata con un mezzo a disposizione presidieranno le aree del centro storico a rischio più elevato di vandalismo, a tutela della comunità che in quei luoghi risiede, oltre che alle attività che vi operano.

Gli agenti così impiegati potranno verificare ed in base alla necessità segnalare alle forze dell’ordine le situazioni di maggior criticità, permetteranno quindi a queste ultime di intervenire in maniera puntuale e mirata.

Ogni attività che aderirà al progetto “Jesi Sicura” avrà affisso il logo del progetto, a testimonianza dell’impegno e del contributo fattivo verso la città di Jesi.

Gli associati alla Cna potranno beneficiare inoltre di un presidio più ampio da parte di vedetta2Mondialpol, la quale effettuerà un controllo capillare delle singole attività anche il venerdì e la domenica, oltre che il sabato, che permetterà così alle attività del centro di operare con ancor più sicurezza.

Un grande plauso va rivolto quindi a Marco Tombini e a tutta l'associazione “Jesi Città da Vivere” per l’impegno che si apprestano a sostenere, al fine di rilanciare l’immagine e il profilo sociale della città di Jesi, da troppo tempo vittima di questa situazione critica che non le appartiene.

Infine un riconoscimento per sensibilità, attenzione e impegno va all’Amministrazione Comunale che nell’ambito di una progettualità complessiva sta investendo in impianti di video sorveglianza a tutela della comunità e servizi igienici che ci auspichiamo presto possano essere a disposizione della collettività.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-10-2021 alle 16:39 sul giornale del 07 ottobre 2021 - 340 letture

In questo articolo si parla di attualità, lavoro, impresa, CNA jesi, francesco barchiesi, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cmVr





logoEV
logoEV
qrcode